trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Il festival della Mente: occasione di cultura e turismo
di

Articolo

Tre giorni di incontri, letture, spettacoli, workshop e laboratori, 13 location nel centro storico per 91 protagonisti e 61 eventi, di cui 39 dedicati agli adulti e 22 ai bambini. Circa 770 relatori in 13 edizioni e ben 45 mila presenze nel solo 2015. Sono i numeri del festival della Mente di Sarzana: la manifestazione dedicata alle forme della creatività promossa dalla fondazione Carispezia e dal comune, quest’anno in programma dal 2 al 4 settembre. Cifre che ben testimoniano quanto le kermesse culturali rappresentino oggi preziosi elementi di attrazione turistica, in particolare per le destinazioni secondarie della nostra Penisola (lo prova anche il caso del Festivalfilosofia di Modena, Carpi e Sassuolo, che tra 2001 e 2015 ha generato un indotto di oltre 3 milioni di euro, ndr).
Per il sindaco della città, Alessio Cavarra, Sarzana e il festival della Mente sono un binomio consolidato, certamente favorito dal tessuto urbanistico del centro storico del borgo, che molto si avvicina al concetto di «città Ideale»: il pubblico del festival al termine degli incontri ama fermarsi in centro per confondersi con i volontari e scambiare qualche battuta con i relatori di prestigio che la manifestazione ospita. Sarzana è una città accogliente, e uno dei suoi punti di forza è essere inserita nei 100 Borghi felici d’Italia. Il festival, insomma, in questa città ha trovato un terreno fertile per seminare e far germogliare i semi in termini di crescita culturale e di ritorno economico.
Con la direzione scientifica di Gustavo Pietropolli Charmet e la direzione artistica di Benedetta Marietti, il filo conduttore della tredicesima edizione sarà lo spazio, indagato con un linguaggio accessibile, per un pubblico ampio e intergenerazionale, da grandi scienziati, scrittori, artisti, fotografi, architetti, filosofi, psicologi, storici, in relazione ai cambiamenti, alle tematiche e ai problemi del vivere contemporaneo.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori