trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Cibo e viaggi: un legame sempre più stretto. E l’Italia risplende

Articolo

La tendenza è nota da tempo. Ma ora sta assumendo davvero dimensioni impressionanti, tanto che ben il 49% dei turisti internazionali metterebbe il cibo tra le motivazioni principali alla base delle proprie scelte di viaggio. E l’Italia, in questo contesto, è messa davvero bene. Lo rivela il Food Travel Monitor 2016: ultima edizione del più importante rapporto internazionale sul turismo enogastronomico, realizzato a cura della World Food Travel Association. Quest’anno l’analisi è stata condotta in undici nazioni: oltre all’Italia, la Francia, la Germania, l’Irlanda, il Regno Unito, la Spagna, l’Australia, la Cina, l’India, il Messico e gli Stati Uniti. E per il nostro paese i risultati sono davvero promettenti: la Penisola pare infatti essere universalmente riconosciuta quale meta del buon mangiare, insieme soprattutto a Giappone e Francia. Ma l’Italia vanta anche alcuni primati esclusivi: è infatti l’unica destinazione enogastronomica non orientale indicata dai viaggiatori cinesi, così come è l’unica meta internazionale citata dal campione a stelle e strisce. I tedeschi, poi, amano talmente la cucina del nostro paese che, oltre a issarla al primo posto assoluto delle proprie preferenze alimentari, piazzano persino la regione Toscana al quarto posto e Roma al decimo.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori