trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Expedia mette all’asta la visibilità degli hotel

Il mondo della distribuzione online si fa sempre più complicato e per gli albergatori, più che aprirsi nuove opportunità, paiono moltiplicarsi sfide e costi. È di pochissimi giorni fa, in particolare, l’annuncio di Expedia relativo al lancio di «Accelerator»: un programma di aste per garantire agli hotel la posizione migliore nei risultati di ricerca pubblicati dal portale. I contorni dell’iniziativa sono ancora piuttosto vaghi e il progetto, al momento, riguarda solo un numero limitato di mercati, ma il suo impatto potenziale può essere difficilmente sottostimato. Non è certo infatti la prima volta che le agenzie online chiedono degli extra agli alberghi, per permettere loro di avere maggiore visibilità. Fino a oggi, però, si è trattato di fee fisse, come nel caso del Preferred Program di Booking.com; non di una vera e propria corsa a suon di puntate sonanti. Una eventualità che l’associazione degli albergatori Usa, la «American hotel & lodging association» (Ah&La), si è subito affrettata a stigmatizzare, denunciando la scarsa trasparenza che un tale sistema garantirebbe ai consumatori finali. Gli algoritmi alla base dell’ordine con cui le strutture vengono mostrate sulle Ota sono stati peraltro sempre considerati piuttosto misteriosi, dando adito a più di un dubbio sulla loro presunta neutralità. In ogni caso, Expedia ha rigettato subito le critiche mosse dalla Ah&La, dichiarando alla rivista online Usa Skift, che «Accelerator» non consentirebbe mai a una struttura con giudizi scadenti di scalare le classifiche fino alle prime posizioni. E ciò semplicemente perché non sarebbe affatto nell’interesse della stessa Ota. Sarà... A noi rimane forte il dubbio che i consumatori online siano spesso “accompagnati” verso alcune soluzioni di soggiorno privilegiate. E la nuova iniziativa Expedia non aiuta davvero a fugare le perplessità...

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori