trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Il marketing delle piccole cose
di

Negli anni passati, specie negli alberghi di città, convertire le zone comuni a favore di spazi vendibili era una tendenza abbastanza condivisa.
Ovviamente una delle conseguenze di questa impostazione è quella di ridurre nell´hotel gli ambienti da vivere. Oggi sta quindi emergendo sempre più forte un´impostazione che punta nuovamente agli spazi aggregativi: una tendenza cavalcata sia da budget hotel di nuova generazione, sia da lifestyle e boutique hotel.
Molti alberghi, per creare un senso di calore e di spazio da vivere, arredano in particolare salotti e zone comuni con una bella libreria. Dopo aver visitato un paio di strutture, tra loro molto differenti, ma entrambe con una piccola libreria, mi sono chiesto: meglio uno spazio d’arredo o uno da utilizzare?
Messa così la risposta può sembrare lapalissiana. Eppure la mia sensazione è che tanti alberghi usino i libri più per decorare, che per migliorare l´esperienza di soggiorno dei loro clienti.
Bellissimi spazi arredati da bellissimi libri: ma quanti dei nostri ospiti riusciranno a leggere Guerra e pace in tre giorni? Ok la lettura veloce, ma a tutto c´è un limite.
Allora può essere un’idea creare una libreria fatta solo da libri di racconti e raccolte fotografiche, ovviamente senza dimenticare quelli in inglese: facciamo in modo che gli ospiti vivano il nostro spazio.
Sicuramente i dubbi possono essere molti: i nostri ospiti avranno mezz’ora di tempo per leggere? È necessaria una libreria quando in molti hanno un tablet?
Tutti dubbi leciti, ma se in albergo è già presente uno spazio dedicato ai libri, o magari abbiamo deciso di crearlo, facciamo in modo che sia utilizzabile.
Questo lo renderà non solo decorativo, ma da vivere. Chiunque potrebbe voler passare mezz´ora leggendo qualcosa in albergo e i racconti sono perfettamente in linea con la durata media dei soggiorni.
In fondo l´obiettivo è quello di arricchire l´esperienza di soggiorno dei nostri ospiti, non solo di avere una libreria di design.
La guest experience dei clienti attraversa diverse strade. Questa può essere una!

COMMENTI
«libri, beh libri sulla città, il viaggio fatto con una lettura ambientata o correlata alla zona o alle attività
principali che quei clienti che vengono in quell'albergo fanno non fanno solo sentire le persone a casa
ma le coinvolgono.
Questa idea di fare l'albergo con una sala per giocare d'azzardo
una per il sesso, una per la musica, una per mangiare, una per fare affari è vecchia come i caravanserragli
presenti nei balcani, ... nei libri di Andric appunto, ma non solo libri. E' storia.
Allora senza fare il saputello, penso che la libreria, se è fatta seriamente (una insomma mastodontica)
ben organizzata e studiata non fa altro che creare unicità all'albergo .. .con quello che costano oggi i libri
ma con quello che sempre valgono!
Ci sono stati anche dei bandi ad esempio a new york sul progettare degli hotel che facciano vivere al viaggiatore
anche una esperienza al loro interno e non solo all'esterno come appunto degli "alberghi" tocca e fuggi
come si intende oggi quando si dice "questa casa non è un albergo".

Questo albergo è una casa si dovrà imparare a dire\fare
Questa casa è un albergo forse diremo un giorno...
Postato da Marco , - 22:57:53 23-09-2015

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori