trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




A ciascuno il suo: lo dice Sciascia
Non basta il semplice senso comune per occuparsi con professionalità di risorse umane
di

Articolo

www.resumehospitality.it

Un lavoro difficile. Lo sono tutti, ma il compito di chi si occupa di risorse umane è davvero arduo. Eppure non pochi credono di poterlo fare basandosi su qualche assunto di senso comune e una breve esperienza di gestione di team. Nulla di più sbagliato: per occuparsi di una materia tanto delicata occorre molto studio, lavoro e impegno. Parola di Mary Rinaldi, partner di Resume, divisione indipendente di Job in Tourism dedicata all’head hunting.

Facciamo un lavoro difficile. Questo è ciò che pensa una elevata percentuale di professionisti; unitamente peraltro all’affermazione di dirigenti e imprenditori di ogni settore produttivo, ognuno dei quali afferma con convinzione: «...Perché sa, il nostro settore è molto particolare». Tanto da indurre a chiederci quali saranno i settori comuni, normali, facili.
Le professioni sono complesse e sempre più articolate. Ma si consenta di dirlo, a viva e chiara voce, soprattutto a chi fa un lavoro che ha, come sostanza privilegiata, oggetto di indagine e materia prima, l’essere umano: quanto di più complesso e articolato la natura, e la storia dell’universo, abbia potuto produrre. Considerando le infinite modalità di comportamento e le illimitate combinazioni dei singoli aspetti di carattere, chi si dedica allo studio dell’uomo e dei processi cognitivi, nelle sue componenti consce e inconsce, è destinato a lunghi studi e a tanta pratica professionale, da mixare con auspicato buon senso, nonché a far tesoro come non mai dell’esperienza. E non sempre tutto ciò è sufficiente: la materia su cui lavoriamo è fluttuante, sfugge spesso alle classificazioni e riserva sorprese, quando non vere insidie, dietro al più improbabile degli angoli. Noi che ci occupiamo di risorse umane, e di risorse umane in azienda, e in aziende del settore alberghiero, che manco a dirlo è «molto particolare», ne sappiamo qualcosa.
Per cui riformulo l’affermazione di partenza: facciamo un lavoro difficile. E allora perché tanti pensano di saperlo fare, pur senza aver fatto studi specifici e aver operato istituzionalmente nell’area specifica? Mi spiego meglio: ogni giorno cerco personale per catene o alberghi privati. Alle sollecitazioni del mercato mediante azioni di recruiting, se cerco sales manager, rispondono sales manager; se ho bisogno di un direttore d’albergo, rispondono gli stessi; se recluto personale f&b, mi rispondono cuochi, maître, pasticceri... Se cerco figure hr, rispondono tutti: direttori commerciali, perché hanno gestito team di venditori; f&b manager, perché hanno controllato brigate o personale di sala; hotel manager, perché hanno avuto la responsabilità del personale di albergo. Si è erroneamente convinti che l’area risorse umane sia un mare magnum di specifiche competenze operative, annacquate da qualche pratica di senso comune: con le persone ci devi saper parlare e se usi il pugno di ferro, o il guanto di velluto, o questo stesso calzato sul presunto pugno di ferro, in qualche modo ne esci sempre fuori.
Sto semplificando in maniera estrema. Pur tuttavia le cose vanno dette a chiare lettere: che ognuno faccia il lavoro per cui ha studiato e lavorato; per cui si è impegnato. Entrare in contatto con le persone (che si tratti di candidati o committenti), incontrarle, stabilire un piano comune per la conversazione, disporsi allo scambio, essere propensi a concedere qualcosa di sé, utilizzare in maniera naturale le tecniche che consentono un clima di disponibilità e di ascolto attivo, evocare la fiducia e farsi narrare la propria storia professionale, indagare le motivazioni, gli obiettivi e le aspettative, cercare di intuire ciò che non viene detto ma passa nel non-verbale, sottoporre questo a verifica, sforzarsi di immaginare la persona che si ha di fronte nel contesto in cui andrebbe a inserirsi, ipotizzare un’empatia con l’azienda committente, lavorare sulle teste di chi offre quel lavoro e di chi lo cerca... Sono tutte azioni complesse, specifiche, articolate e difficili.
In un’altra vita farò la restauratrice, in questa mi sforzo di fare al meglio l’head hunter, lavoro per cui ho studiato e operato per tanti anni. Non l’ho detto io, l’ha detto Leonardo Sciascia: A ciascuno il suo.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori