trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Premiati più di 100 chef
Il Nova Yardinia ha ospitato la cerimonia di consegna dell’onorificenza Apci
di

Articolo

Si è svolta a Castellaneta Marina, presso l’eco-resort Alborea del complesso turistico Nova Yardinia, la terza edizione de Les toques blanches d’honneur – Cappelli d’onore: l’onorificenza professionale alla carriera, appositamente studiata dall’Associazione professionale cuochi italiani (Apci), per premiare il lavoro quotidiano dei propri associati, dai giovani emergenti ai professionisti più blasonati.
Oltre 100 chef e ristoratori, provenienti da tutta Italia e anche dall’estero, sono stati così insigniti del riconoscimento 2014: i partecipanti alla cerimonia di premiazione sono stati quindi accolti, lo scorso 20 ottobre, da un percorso interattivo di conoscenza delle eccellenze del mercato, organizzato all’interno dello stesso resort Alborea. A seguire, alcuni seminari di formazione hanno fornito una serie di strumenti di arricchimento professionale per gli chef intervenuti. Tre i temi svolti: «Le intolleranze? Le cuciniamo!», «L’Arte della birra – degustazione sensoriale» e «Il cuoco e la comunicazione - dalla ricetta ai social media».
Particolarmente solenne è stato quindi il momento del conferimento dell’onorificenza. Agli chef selezionati, scelti in base al proprio curriculum professionale, è stato infatti consegnato un gioiello speciale, realizzato appositamente per l’occasione: un cappello da cuoco declinato in bronzo, argento, oro o platino, a seconda degli anni di carriera, con logo serigrafato dell’associazione. La serata si è conclusa poi con la cena di gala in onore delle berrette bianche, tenutasi presso il ristorante dell’Alborea e costituita da un menu tipico, studiato appositamente dallo chef patron Vito Semeraro, delegato Apci della regione Puglia.
Il giorno dopo i delegati hanno infine potuto assistere, nello storico palazzo baronale del comune di Castellaneta, a una presentazione con degustazione dei migliori prodotti Dop e Igp del territorio, raccontati da alcuni chef locali e preparati dai ragazzi della scuola alberghiera Mauro Perrone, coordinati dal loro preside Vincenzo Calabrese.
«Abbiamo fortemente voluto un nuovo percorso che fosse qualificante e rappresentativo», raccontano il presidente e il direttore generale Apci, Roberto Carcangiu e Sonia Re. «Il consenso dei nostri cuochi è stata oggi la migliore soddisfazione per la nostra grande brigata, perché questo ci sentiamo, anche fuori dalle cucine».


Fatta la squadra della nuova nazionale firmata Associazione professionale cuochi italiani

Sono Alfonso Crisci, per la Campania, Marco Di Lorenzi, per le Marche, Liborio Genovese, per la Sicilia, Giacomo Luongo, ancora per la Campania, Luca Malacrida, per il Lazio, Paolo Montiglio, per il Piemonte, e Nikita Sergeev, nuovamente per le Marche, i componenti ufficiali della nazionale chef Apci. Guidati da Giorgio Perin, responsabile del progetto, e dal coordinatore tecnico della squadra, Vito Semeraro, i magnifici sette sono stati scelti dopo una lunga serie di selezioni, culminate lo scorso lunedì 20 ottobre, con la finale a 18, basata su una prova pratica di cucina calda. Il team sarà quindi ambasciatore e rappresentante dell´associazione sul territorio italiano e a livello internazionale.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori