trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




La mattina un sorriso, per iniziare bene
di

Entro in cucina con gli occhi ancora assonnati e mi accoglie un sorriso.
Guardo il tavolo e sono io che sorrido: la tovaglia di pizzo, le ciotole di porcellana con i fiori disegnati, su cui, in bella mostra, ci sono appetitosi cioccolatini, il piattino con i golosi biscottini che odorano di pasticceria e di burro, le paste nelle varie forme e colori che invitano a lasciar perdere la dieta, i barattolini di marmellata con i frutti in rilievo, presagio dell’estate ormai prossima, i piattini smaltati con il bordo dorato, i tovaglioli di carta tedeschi, eleganti, con raffigurato Mozart, le posatine d’argento, dalla strana forma, il vasetto che contiene una gardenia, con le piccole foglie brillanti, che emana il suo profumo dolce.
Mi ricordo improvvisamente: sì è il mio compleanno, ma quale miglior modo di cominciarlo in questo modo?
Ed è così che bisognerebbe sorprendere gli ospiti (perché chiamarli clienti?) dei propri alberghi: fare della colazione un momento da ricordare; il miglior momento della giornata che, per coloro che lasciano l’albergo, spesso è anche quello del ricordo di dove hanno alloggiato, che porteranno con sé.
Certo, non è la stessa cosa se i ricavi della camera a notte sono 50 piuttosto che 500 euro; esiste una naturale sproporzione che condiziona le diverse offerte; ma è anche vero che comunque le aspettative dell’ospite sono diverse e lo si può sorprendere con costi adeguati alla struttura.
Una delle peggiori abitudini è destinare alla colazione i locali più bui e ingrati dell’albergo, quelli di cui non si sa altrimenti che fare; un po’ di buona musica di sottofondo non farebbe male, il personale preparato e disponibile – e fino a qui non abbiamo aumentato di molto i costi – il caffè di buona qualità, evitando come un malessere quello liofilizzato, prodotti locali che ricordino che viviamo sì in una realtà globalizzata, ma ogni angolo – almeno nel nostro paese – ha una sua storia.
E con un po’ di buona volontà si può continuare; potrei poi raccontarvi di colazioni che ho avuto in giro per il mondo, che mi avvicinano al posto dove le ho consumate e che ricordo con grande piacere; per favore, fate in modo che il mio prossimo soggiorno nel vostro albergo sia un’esperienza indimenticabile. Grazie.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori