trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Il Tfp Summit in presa diretta
Voci e parole dall’evento Job in Tourism dedicato all’incontro tra offerta e domanda di lavoro
di

Articolo

www.tfpsummit.it

Molta, moltissima gente: vengono da ogni parte d’Italia, ognuno con il proprio obiettivo, il proprio piccolo o grande sogno nel cassetto. «Sembra di essere a un concerto di Bruce Springsteen», commenta con ironia Giuseppe da Fidenza, osservando la lunga fila di persone che lo precede: un modo per stemperare la tensione dell’attesa. «D’altronde, con tutto questo affollamento», riprende Giuseppe, «forse ci sarebbero voluti due giorni di colloqui». «Considerata la situazione attuale del paese», gli fa eco Michelle di Firenze, «era difficile immaginare che non ci sarebbe stato il pienone. Gli eventi come questi, però, rappresentano opportunità davvero insostituibili. Per di più, io ho partecipato in passato ad altre fiere del turismo, ma quella di oggi la trovo particolarmente organizzata. Vero, le code sono un po’ lunghe, ma anche ordinate e scorrevoli. Per quanto mi riguarda, poi, ho già avuto un colloquio che ho trovato interessante: ora spero di farne altri, possibilmente con un paio di catene alberghiere importanti, che ho già adocchiato in fondo a questa e a un’altra fila».
Parole e pensieri in presa diretta dall’ultimo Tfp Summit: l’evento Job in Tourism dedicato all’incontro tra domanda e offerta di lavoro nel mondo del turismo, svoltosi lo scorso 27 febbraio presso l’Atahotel Executive di Milano. Giunta quest’anno alla sua settima edizione, si tratta di una formula ormai consolidata, che da sempre privilegia la qualità dell’offerta, accogliendo, tra gli espositori, solo le più importanti aziende del mondo dei viaggi e dell’ospitalità. Ventotto, in particolare, sono state le realtà presenti al Tfp Summit 2014, tra imprese alberghiere e della ristorazione, compagnie specializzate nella villaggistica, società di head hunting e outsourcing, nonché importanti istituti formativi a carattere nazionale.
Circa 2 mila, invece, i visitatori che hanno affollato la grande sala dell’Executive fin dalle 9 di mattina. E non solo giovani alla ricerca del primo impiego, ma anche professionisti esperti a caccia di nuove occasioni di carriera, in linea peraltro con la filosofia di un evento ad alta professionalità come il Tfp Summit. «Mi sono stupita di trovare un’età media tanto alta: ci sono anche molti over 60», dichiara infatti, tra gli altri, Silvia, originaria di Chiavari ma ora residente a Monza. «Sono qui perché cerco una svolta per la mia carriera», aggiunge Stefano da Castagneto Carducci, che al momento in cui mi parla ha fatto solo un colloquio. «Ma sono arrivato un po’ in ritardo», ammette subito. «D’altronde non vengo certo da dietro l’angolo. Ritengo però queste occasioni davvero utili, perché ti danno l’opportunità di avere un contatto diretto con i selezionatori. Il che garantisce che il proprio curriculum venga per lo meno considerato».
Con molta pazienza e qualche piccola recriminazione, «sono qui dal mattino, sono riuscita ad avere due incontri, ma in uno mi hanno fatto andar via subito dopo la presentazione», dice per esempio Tea da Genova, la giornata scorre via veloce, fino alla sua naturale conclusione. Al chiudersi delle porte, la speranza è che il telefono squilli presto, con una chiamata per un buon posto o, chissà, per l’occasione della vita: «Finora ho fatto un solo colloquio», ci confida ancora in mattinata un altro Stefano, da Forlì questa volta. «Ma sono contento, perché ho avuto l’impressione di aver instaurato una buona relazione con il selezionatore». E allora in bocca al lupo a Stefano e a tutti gli altri partecipanti al Tfp Summit. A noi, non resta altro che dare appuntamento a tutti per la prossima edizione.

COMMENTI
« un evento veramente ridicolo! organizzione pessima! ore e ore di attesa per incontrare selezionatori sfiniti e inconcludenti! abolitelo o organizzatelo meglio, magari con delle prenotazioni.
Postato da simona , - 15:51:15 29-03-2014
« Ciò che più mi ha colpito, è stato vedere alcuni selezionatori (tra l\'altro appartenenti ad una catena italiana Vostro Partner) quasi infastiditi dalla presenza, dinnanzi a loro, di decine di PERSONE in coda che chiedevano solo un po\' di attenzione e che puntualmente venivano \"liquidati\" in maniera molto sbrigativa....
Vergognoso !!
Qualcuno ha spiegato loro i capisaldi del settore alberghiero?
Fossi nei panni del loro Datore di Lavoro avrei grossi dubbi circa le modalità utilizzate nel fare Training ai propri Dipendenti .....
Postato da Sergio Tissino , Libero Professionista - 16:13:30 31-03-2014
« era un paio di anni...che nn andavo più,a questo forum della ipocrisia...speravo fosse cambiato qualcosa....indubbiamente qualcosa e cambiato...ma in peggio...organizzazione totalmente inesistente...eppure in questo settore,la capacità di gestire i flussi e primordiale....selezionatori burberi,maleducati,montati......e poco pazienti...purtroppo rappresentano a pieno titolo,cosa è l'italia odierna...sopratutto nel mondo lavorativo.....nn so sara un mio dubbio....ma ho la certezza..che nn sono alla ricerca di personale.....ma sia bensi...un modo di farsi pubblicita occulta.....sono quasi sempre le stesse aziende che cercano..e l'esperienza mi dice....che se cerchi personale in continuazione...o rappresenti un ambiente di merda..o peggio ancora proponi contratti del cazzo...e sopratutto a termine....x non parlare poi dei selezionatori delle agenzie interinali..che ti guardano con un aria di sufficienza..ed il più delle volte nn capiscono niente del settore,x il quale cercano forza lavoro....e dopo aver visionato C.V....come il mio,di 3 pagine,con 25 anni di esperienza nel settore...in location di prestigio,mi chiedono se ho pantalone nero,scarpe classiche nere,camicia bianca,papillon...etc (ho un armadio pieno di divise) .....ma..no figurati...io normalmente lavoro,in infradito canotta gialla di sudore, bermuda mimetico,occhiali da sole a specchio,piercing modello zulu,tatuaggi modello carta da parati ...barba stile talebano afgano,e maxi cuffie agli orecchi,con musica techno sparata a palla.....ma basta cazzo....vogliamo rimettere un po di ordine in questo settore...che potebbe essere il biglietto da visita e di ripresa ,x questo paese martoriato...sia da un classe dirigente incompetente...ma ancor più da personaggi,che nn hanno nulla da vedere,con il mondo dell'ospitalità alberghiera..e che la stanno distruggendo nel peggiore dei modi......x finire vorrei solo fare un'ulteriore appunto..bene o male...nel mio caso,provenendo dalla brianza...x partecipare al TFP summit,ho perso 1/2 giornata...e speso circa 20 €,tra benzina..metro..cibo..etc....e ci puo pure stare di essere liquidato in 60 secondi,dal selezionatore. annoiato e sbuffante...ma se ragioniamo sul fatto,che il 70% dei visitatori,venivano dal sud-italia,isole comprese,quindi saliti su con un enorme sacrificio economico...nn li si puo liquidare...dopo aver fatto...ore di fila in piedi...dicendo loro...questa e la nostra mail...ci invìi il suo cv.....e casomai la ricontatteremo.....no..no...no...mi dispiace,ma nn e questo il modo di operare...nel mondo del lavoro.....se volevo degli indirizzi mail..a cui inviare candidature...basta perdere una serata davanti al pc...a cercare offerte di lavoro inerenti al mio percorso professionale..e poi essere contattato casomai,x un'ulteriore colloquio conoscitivo......ma no il percorso al contrario.
p.s.
un consiglio agli organizzatori del Totale Fregatura Permanente...se volete essere presi sul serio..incominciate a fare le cose come si deve...avete un anno di tempo.....valutate le candidature..e le richieste sia dei candidati che delle aziende...fate una prima cernita....e durante il summit...invitate a colloquio,le persone..che veramente vi interessano....sarebbe un punto a vostro favore...ed una presa x il culo in meno....da parte di persone in cerca del miraggio del posto di lavoro...ripeto..chi come me vive in lombardia...sa che questo summit,e un enorme presa in giro......ma 1/2 giornata...la possiamo pure perdere.....ma prendere in giro,gente che viene da centinaia di km di distanza......mi dispiace...ma nn lo accetto.
Postato da umberto lama , barman - 19:18:52 01-04-2014
« scusate se arrivo a postare un po' in ritardo i miei commenti.
Vegognoso l'atteggiamento di presunti responsabili HR di Planetaria e Armani Resort.
I primi con aria molto stizzosa liquidavano i candidati ,i secondi ed in particolare una persona che si definisce coordinatore HR Armani Resort avra' competenze di altro genere ma non certamente i minimi requisiti per sostenere e visionare un candidato e un CV. Assurde le sue risposte alla mie domande,incapace di instaurare un minimo di empatia,altamente presuntuoso per non dire dire del cognome piuttosto imbarazzante.
Postato da carlo , consulente - 19:20:35 09-04-2014

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori