trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Il Roty va a Singapore
Una competizione che testimonia da sempre l’importanza del servizio
di

Articolo

È Gwendolyn Chia la nuova international receptionist of the year dell’Aicr (Roty). La giovane professionista al ricevimento del St. Regis Singapore si è infatti aggiudicata l’ambito David Campbell trophy, messo in palio ogni anno dall’Amicale internazionale dei vice direttori e capi ricevimento 4 e 5 stelle tra i migliori receptionist junior al mondo, vincendo la concorrenza di ben 13 altri agguerriti finalisti, tra cui la rappresentante italiana, Raffaella D’Amico, del Crowne Plaza Rome St. Peter’s. La competizione si è svolta come di consueto in occasione del presidium internazionale, che quest’anno si è tenuto in Germania, presso il Fairmont Hotel Vier Jahreszeiten di Amburgo.
«Gli straordinari risultati ottenuti da tutti i finalisti testimoniano di come i miglioramenti siano sempre possibili, persino nell’ambito degli altissimi livelli di servizio garantiti dall’hôtellerie internazionale», spiega il presidente Aicr e director of front house operations del Jw Marriott Marquis di Dubai, Darin Davies. «I candidati all’International receptionist of the year di quest’anno hanno infatti dimostrato come si faccia a mettere la classica ciliegina sulla torta nelle attività di accoglienza degli ospiti. Solo delle piccole sfumature nella qualità del servizio hanno peraltro garantito la vittoria a Gwendolyn Chia. La competizione è stata tanto serrata, in effetti, che sul podio del 2014 sono salite ben quattro persone, con un ex aequo al terzo posto (si veda, a questo proposito, il box a fianco, ndr)».
Affatto facile è stato perciò il lavoro per la giuria di Amburgo, guidata da Kerstin Oelckers (Australia) e composta inoltre da Antonio Marra (Germania), Maude Pfluger (Francia), Carsten Hennig (Germania), Adeline Teoh (Singapore), Corinne Bellaby (Regno Unito) e Riina Reeder (Germania). «Il David Campbell trophy sottolinea l’importanza crescente delle relazioni personali nel contesto dell’ospitalità di lusso», conclude la stessa Kerstin Oelckers dell’International college of hotel management. «Nonostante tutte le evoluzioni tecnologiche e lo sviluppo del mercato degli ultimi anni, la qualità del servizio rimane infatti un fattore chiave nella fidelizzazione degli ospiti e nella costruzione della reputazione di ogni struttura».


Il podio del David Campbell 2014

Prima: Gwendolyn Chia (St. Regis, Singapore)
Seconda: Johanna Dlogusch (The Gleneagles – Scottish Golf & Spa Hotels, Auchterarder, Scozia)
Terzi a pari merito: Viviana Colonna (Mandarin Oriental, Ginevra); Tarryn Adams (Raffles, Dubai)

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori