trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Hotelplan Italia prepara il rilancio
Terminata la ristrutturazione, la divisione nazionale del to svizzero ora vuole ripartire
di

Articolo

Solo pochi anni fa, commentando gli effetti della rivoluzione web, la stragrande maggioranza degli esperti pronosticava la fine delle agenzie di viaggio, progressivamente scavalcate da forme di rapporto diretto tra i tour operator e i viaggiatori. Invece... Invece oggi assistiamo a qualcosa di impensabile: pur nelle attuali non certo facili condizioni di mercato, gli agenti di viaggi hanno dimostrato una flessibilità e una capacità di adattamento tali da consentire loro di reggere, mentre sono stati proprio i tour operator a soffrire maggiormente della situazione. Lo dimostrano non solo i numerosi casi di fallimenti e commissariamenti di compagnie più o meno celebri, ma anche le difficoltà a cui molti altri to sono andati incontro. È il caso, per esempio, di Hotelplan Italia, di cui era stata persino recentemente messa in discussione la prosecuzione dell’attività nel nostro paese. Con il cambio ai vertici dell’azienda, che a inizio anno ha visto la nomina del nuovo ceo, Luca Battifora, non a caso proveniente proprio dal mondo agenziale (era direttore generale del network G40), sono iniziate però le prime contromosse. E in questi giorni, recita una nota del tour operator, si sarebbe finalmente concluso un intenso processo di ristrutturazione che, in collaborazione con le organizzazioni sindacali, avrebbe avuto l’obiettivo di ridisegnare dalle fondamenta la struttura aziendale. Ne è così venuta fuori una società composta oggi da 115 persone, di cui oltre l’85% impiegato nei reparti in diretta relazione con il mercato agenziale: booking, prodotto, operativo e commerciale: «Una struttura più snella e meno gerarchica», si legge nel comunicato, «fortemente orientata al servizio e al supporto delle agenzie che sono il nostro interlocutore unico».
Ogni booking, prosegue la nota, sarebbe ora organizzato in funzione della destinazione e lavorerebbe in condivisione con i product manager, al fine di assicurare competenza, flessibilità e capacità di rispondere a qualsiasi richiesta
relativa al prodotto; inoltre, ogni agenzia partner dovrebbe essere supportata da un programma interno di customer relationship management (crm), che consentirebbe ai reparti di conoscerne caratteristiche e peculiarità.
«Siamo giunti alla conclusione di un cammino difficile e faticoso per tutti, sotto il profilo sia professionale sia, se non soprattutto, umano», dichiara lo stesso Battifora. «Ora dobbiamo concentrarci al 100% sul business. Siamo in linea con le previsioni di budget, ma sappiamo che i prossimi mesi saranno determinanti per il risultato complessivo. Sarà per noi un’estate impegnativa in quanto, parallelamente alla normale attività quotidiana, lavoreremo anche allo sviluppo di nuovi progetti previsti dal business plan triennale. Sono però assolutamente fiducioso, perché in questi mesi ho potuto apprezzare la qualità del team che ho il privilegio di rappresentare».

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori