trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




A Dubai per crescere e far carriera
Le opportunità e le sfide che attendono le risorse impegnate nella start-up emiratina firmata Conrad
di

Articolo

«Il boom economico, che la città sta vivendo, contribuisce a dare un grande impulso allo sviluppo del settore alberghiero. Un comparto che a Dubai gode di eccezionali livelli di performance. Ogni anno, infatti, qui aprono nuovi hotel dalle caratteristiche spettacolari, con elementi di innovazione tecnologica e di design, che spostano sempre più in alto l’asticella degli standard qualitativi». Così il gm del Conrad Dubai, Mario Ferraro, iniziava la prima parte della sua intervista, apparsa su Job in Tourism dello scorso 2 maggio. Dedicato alle strategie di sviluppo del nuovo progetto alberghiero griffato Conrad Hotels & Resorts (parte di Hilton Worldwide), l’articolo si concentrava soprattutto sui piani di azione della start-up emiratina. Oggi invece, lo stesso Ferraro illustra, nel dettaglio, le opportunità di crescita e di carriera disponibili a tutte le risorse, e in particolare a quelle italiane, che contribuiranno al lancio del prossimo indirizzo Conrad negli Emirati Arabi.

Un ambiente dinamico e stimolante, dove si punta alla qualità e al raggiungimento di elevati standard di servizio. Ma anche un contesto in grado di garantire innumerevoli opportunità di carriera, grazie al ricco programma di learning & development della compagnia, nonché di fornire tutta una serie di benefit esclusivi, «che rappresentano un valore aggiunto distintivo della nostra offerta di impiego». È questo quello che si può aspettare chi lavora al Conrad Dubai, secondo il general manager italiano incaricato di curare la start-up della struttura emiratina griffata Conrad Hotels & Resorts. «La nostra non è solo una delle compagnie alberghiere più prestigiose al mondo», rimarca infatti Mario Ferraro. «Siamo pure tra i gruppi che registrano oggi il maggior tasso di espansione. Già presenti, come Hilton Worldwide, in 91 paesi differenti, con oltre 3.800 hotel, siamo una grande famiglia in grado di offrire ottime possibilità di crescita a tutti coloro che vogliono lavorare nel mondo dell’ospitalità».

Domanda. Quali, allora, le modalità di valutazione delle performance, e di valorizzazione delle risorse umane, utilizzate dal brand Conrad e dal gruppo Hilton più in generale?
Risposta. L’idea è quella di lavorare soprattutto sul rafforzamento dei punti di forza di ciascuno e al contempo sul perfezionamento di quelli deboli, in modo da garantire a ogni risorsa uno sviluppo sia professionale, sia personale. Il piano di learning & development, in particolare, prevede diversi strumenti per la valutazione del livello di performance raggiunto. Fondamentali sono, tra l’altro, i meeting individuali con il proprio capo reparto che, a intervalli regolari, servono a definire un piano di sviluppo personale (personal development plan), contenente obiettivi precisi, nonché le indicazioni sulle aree da rafforzare e sugli aspetti positivi da valorizzare ulteriormente.
D. Quante volte all’anno si fa il punto della situazione?
R. Il raggiungimento degli obiettivi definiti viene monitorato semestralmente: ciò permette di intervenire tempestivamente su eventuali mancanze, di supportare ogni singola risorsa, ove fosse necessario, e di riconoscerne e celebrarne adeguatamente i successi raggiunti. Ma non finisce qui: abbiamo pure specifici programmi di sviluppo dei talenti (talent development), che la compagnia offre gratuitamente alle risorse con il migliore potenziale, per garantire loro sempre maggiori opportunità di crescita e di carriera.
D. Se questi sono i vantaggi di un impiego al Conrad Dubai, quali sono, invece, le difficoltà da superare, per un professionista italiano che decidesse di cimentarsi in un lavoro così lontano da casa?
R. Per la verità, da queste parti, la maggior parte delle risorse impiegate proviene già da esperienze di lavoro internazionali. D’altronde, chi ambisce a fare carriera nel mondo dell’ospitalità non può non essere consapevole che trasferirsi all’estero è un aspetto fondamentale di questo mestiere. La particolarità di una città quale Dubai, però, è sicuramente il suo aspetto multiculturale e multietnico: qui il 90% della popolazione è rappresentato de «expats», ossia da persone che, per motivi di lavoro, vivono lontano da casa. In molti condividiamo quindi una base comune. E ciò permette una maggiore integrazione con il luogo e con le persone che vi vivono. Tra i benefit offerti da Hilton Worldwide, inoltre, c’è anche un volo annuale o semestrale verso la propria città di origine.
D. Quali allora le sfide a cui si va incontro al Conrad Dubai?
R. La stessa apertura di un nuovo hotel in una città come questa, dove la competizione è davvero molto elevata, rappresenta una sfida complessa per tutto il team. E non solo a livello di management. Per lanciare una struttura sul mercato di Dubai non basta, infatti, garantire servizi di qualità eccezionali: occorre anche essere creativi e innovativi al punto giusto, in modo da realizzare un prodotto capace di differenziarsi da quello dei competitor. Non solo: bisogna anche essere bravi a non abbassare mai la guardia; a non riposarsi, cioè, sugli allori, convinti di aver raggiunto l’obiettivo. Perché qui la linea del traguardo si sposta ogni giorno un po’ più in là. Allo stesso tempo, però, essere artefici e parte attiva di questa fantastica avventura, e dell’apertura di quello che sarà l’hotel ambasciatore del brand Conrad negli Emirati Arabi, sono sicuro che ripagherà di tutte le sfide e le fatiche da affrontare.
D. Senza contare, per di più, che nella nuova struttura c’è anche tanta Italia. E non parlo solo del general manager: tra gli outlet previsti nel progetto di start-up ci sarà pure un ristorante griffato da uno chef stellato della nostra penisola...
R. Certamente. Come dicevo, il nostro obiettivo è quello di lanciare un albergo di successo, in grado di sviluppare nuovi concept, atti a differenziare la nostra offerta da quella della concorrenza. Da qui l’idea di coinvolgere lo stellato Massimo Mantarro nella conduzione del Ballarò. Il nostro ristorante tricolore, grazie anche al fondamentale apporto di un team di sala e di cucina tutto italiano, saprà certamente apportare alla nostra struttura un preziosissimo valore aggiunto: in termini di qualità dei prodotti, di servizio e di innovazione.

COMMENTI
«ottimo articolo. Avendo lavorato con Mario Ferraro, posso solo dire che c'è da fidarsi
Postato da Amedeo Esposito , Direttore Albergo - 16:27:04 31-05-2013

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori