trovalavoro

Hotelcube

Gestionale Spa

Dylog

Outsoucing

Gustality

Master Ihma

chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




La rivoluzione digitale quale presupposto dell´affermazione dei mercati di nicchia
Quando la coda è lunga
Gli alberghi dovranno presto gestire anche il web 3.0
di Giorgio Bini

Articolo

«I mercati di oggi si basano sempre più frequentemente sul principio della cosiddetta Long tail, ossia su quel modello macroeconomico, in italiano coda lunga, che descrive la progressiva saturazione dei mercati di massa e la contemporanea proliferazione dei mercati di nicchia». È il consulente di Energy management, nonché Sts Hotel product manager, Domenico Zucca, a raccontare come, in tale scenario Long tail, l’incontro tra la domanda e l’offerta contemporanea, nel mondo dei viaggi e dell’ospitalità, si posizioni necessariamente sul piano della personalizzazione: «Perché è proprio la logica del prodotto tailor made a regolare il passaggio dal tradizionale sistema del mercato di massa al nuovo scenario caratterizzato da una massa di mercati più piccoli». In tale contesto la rivoluzione digitale, consentendo l’interazione diretta tra azienda e consumatore, è diventata il presupposto cardine della personalizzazione. «Tramite il web 2.0, in particolare», interviene Ilaria Smaschini, responsabile marketing dell’azienda di sviluppo di software gestionali Micros-Fidelio, «ciascuno di noi ha la possibilità di lasciare sul, nel o intorno al prodotto, un contenuto. La rete, in altre parole, è diventata lo strumento necessario, fattivo e performante per lasciare traccia di sé. È questa una rivoluzione che le imprese ricettive devono imparare a conoscere e a gestire, così come dovranno comprendere e affrontare presto la prossima evoluzione: il web 3.0 dove, con tutta probabilità, la rete non sarà più fatta di pagine, ma di veri e propri spazi in cui sarà possibile muoversi in libertà».
Internet oggi è peraltro spesso sinonimo di social network: vero incubo e delizia di ogni albergatore. «Per sfruttare il potere delle tecnologie sociali», prosegue quindi Smaschini, «bisogna capire ed entrare nelle logiche che le caratterizzano: la produzione di giudizi, l’interazione, la condivisione, il dialogo orizzontale, la rielaborazione. Oggi, peraltro, gli albergatori possono affidarsi al supporto di varie soluzioni gestionali, come, per esempio, alcuni software per hotel, declinati in modo da consentire agli alberghi di utilizzare i social network, quali Facebook o Twitter, come altrettanti canali distributivi e di interazione avanzata e continua con i propri ospiti».
Nonostante lo sviluppo del web sia dirompente, c’è ancora chi però guarda al mondo virtuale della rete come a un’entità astratta, completamente avulsa dal contesto reale. Invece, tra mondi offline e online, ci sono molte più connessioni di quanto si potrebbe immaginare: «Ricerche recenti», riprende infatti Zucca, «sottolineano come ben il 74% dei potenziali clienti sia oggi in ascolto sui social media. Non solo: il 53% dello stesso campione sosterrebbe di credere di più a ciò che altri scrivono online, a proposito di marche e prodotti, rispetto a quanto dicono le stesse aziende». Ma questa evidenza cosa comporta esattamente per gli hotel? «Che gli alberghi devono porsi come obiettivo non solo la crescita delle vendite ma anche l’incremento della fiducia (reputation management) e, a tal fine, gestire al meglio i canali più efficaci da influenzare», conclude sempre Zucca. «Ci sono strumenti, oggi, che consentono agli albergatori di ascoltare, capire e coinvolgere gli utenti, per poi trasformare queste tre azioni in altrettante attività strutturate: monitorare, indicizzare e pianificare».


Che cos´è Sts Hotel

Sts Hotel è un sistema di automazione alberghiera (domotica) di proprietà dell’azienda Isi. La rivoluzione digitale non significa, infatti, soltanto web e social network: la proliferazione e l’evoluzione degli strumenti digitali ha permesso, negli ultimi anni, un intenso sviluppo delle tecnologie di building automation, che consentono non solo un miglioramento sensibile nella gestione degli edifici alberghieri, ma anche notevoli riduzioni dei costi, soprattutto in materia di consumi energetici. «Essendo le strutture ricettive in Italia molto diverse tra di loro, sia per epoca di costruzione sia per varietà di impiantistica utilizzata», spiega Domenico Zucca, «non esiste, però, una configurazione ideale di apparati che, una volta installati, portino a una percentuale certa di risparmio. Occorre, quindi, una buona analisi degli impianti esistenti, per i casi già in essere, e una buona progettazione per le nuove strutture. La cosa certa, in ogni caso, è che un sistema elettronico di controllo ben strutturato porta un vantaggio economico indipendentemente dalla dimensione di ogni struttura: il risparmio, in particolare, è direttamente proporzionale all’investimento che si desidera fare. È tuttavia da sottolineare come le tecnologie più avanzate consentano oggi di inserire sistemi di automazione alberghiera anche in strutture esistenti, senza prevedere necessariamente ingenti opere di ristrutturazione».


Mini-convegni per rispondere alle esigenze reali degli albergatori

WWW.STSHOTEL.IT;
WWW.MICROS-FIDELIO.IT;
WWW.ILTUOHOTELINTREPAROLE.IT

Isi, in collaborazione con Micros-Fidelio, organizza una serie di incontri gratuiti che interesseranno diverse città italiane. «Il tuo hotel in tre parole» è un incontro dedicato a operatori, direttori e proprietari di hotel, per presentare e discutere le tecnologie, le strategie e i modelli necessari a riconoscere e a sfruttare le attuali opportunità di sviluppo delle imprese alberghiere italiane. Questi mini-convegni si pongono, in particolare, l’obiettivo di dare soluzioni tecnologiche a esigenze reali degli albergatori. Sul sito dell’evento si possono, infatti, vedere alcuni video con altrettante interviste a possibili clienti finali, che raccontano la loro ultima esperienza in una struttura ricettiva. Tali testimonianze, che saranno riproposte anche in occasione degli incontri, sono tratte da recensioni online e tendono a sottolineare e a evidenziare possibili aree di miglioramento concrete per chi fa hôtellerie.

Le date*
28 febbraio – Riccione
29 febbraio – Ancona
1 marzo - Silvi Marina
7 marzo – Verona
13 marzo – Mestre
22 marzo – Roma
23 marzo – Sorrento


*Altre tappe verranno successivamente aggiunte; tutti gli aggiornamenti saranno disponibili sul sito dell’evento e sulla pagina Facebook dedicata.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori


Scrivi sotto il codice di controllo per inserire il commento