trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




La crisi in Nordafrica colpisce anche Thomas Cook
di

Articolo

Quasi 20 milioni di clienti movimentati e un giro d´affari (al 30 settembre 2010) da 9 miliardi di sterline (corrispondenti a oltre 7,5 miliardi di euro). Sono questi i numeri di Thomas Cook: il primo tour operator della storia e il secondo nel mondo, in termini di fatturato, dopo Tui. Eppure, nonostante tali cifre, l´operatore britannico, causa anche la complicata situazione nordafricana che tante imprese del turismo sta mettendo in difficoltà pure in Italia, è sull´orlo del baratro. A spingere la settimana scorsa le azioni di borsa Thomas Cook in caduta libera, la notizia, rilasciata dalla stessa compagnia, che la società starebbe ritardando la pubblicazione dei risultati annuali, perché avrebbe attualmente in corso trattative con le banche per ottenere la liquidità necessaria ad arrivare a fine anno. Secondo quanto risulta al Financial Times, gli istituti creditrici avrebbero peraltro concesso poco dopo all´operatore un prestito da 200 milioni di sterline, in cambio della possibilità di acquisire una partecipazione azionaria nella compagnia e di alcune altre misure di ristrutturazione.




COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori