trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Atmosfere, colori e profumi alla base dell´esperienza benessere del Des Nations di Riccione
L´ospitalità si fa emozionale
L´olfatto è in grado di risvegliare i nostri ricordi più profondi
di

Articolo

Atmosfere, personalità e grande attenzione al benessere psicofisico degli ospiti, in una prospettiva coerentemente olistica dell´individuo e degli ambienti. La carta d´identità del Des Nations di Riccione è tutta qui. Un ritratto un po´ originale per una struttura della riviera romagnola, tanto che chi vi entra per caso può rimanere persino un po´ sorpreso. «Noi, però, non vogliamo piacere a tutti a ogni costo», racconta il direttore Chantal Michaux. «La nostra è una casa di charme in riva al mare, situata nell´area più tranquilla di Riccione, dotata di un percorso benessere per la mente e per il corpo, e frequentata da una clientela cosmopolita che ama farsi coccolare: sia leisure, sia business, insomma, ma con un taglio wellness per tutti».
In un contesto del genere, le atmosfere diventano allora un fattore fondamentale. «Per me gli ambienti di un hotel», riprende Michaux, «devono rispecchiare l´anima di chi lo gestisce e di chi vi soggiorna. È per questo che ho pensato di realizzare un albergo dalla forte personalità, costituito da tanti angoli diversi, spesso ispirati alle mie numerose esperienze di viaggio. E per farlo non ho certo adottato un design minimalista, che mi pare più adatto a strutture fatte in serie e senza anima: luoghi dove, più che aria di ospitalità, mi sembra, a volte, di respirare le atmosfere alienanti del film Tempi moderni di Charlie Chaplin. A mio avviso, invece, tutti dovrebbero avere in casa almeno un mobile antico: un oggetto che non è mai uguale a un altro, che non è riproducibile e che, per questo stesso motivo, è dotato di un´anima propria».
C´è quindi molto legno nel Des Nations, niente truciolato e pochissima plastica. Ma soprattutto, a dominare ogni cosa, ci sono colori e profumi. Prima ancora di essere albergatrice, Chantal Michaux è infatti un coach emozionale, un counselor professionista, che nella ricerca del benessere psicofisico dei propri ospiti trova la propria principale motivazione all´accoglienza: «L´olfatto, in particolare, è un senso spesso dimenticato, ma in grado di risvegliare i nostri ricordi più profondi, spesso legati ai periodi spensierati della fanciullezza. Per rievocarli, e per creare l´armonia olfattiva più adatta a ciascuno dei miei ospiti, io faccio perciò molto affidamento sui fiori. Non necessariamente veri: anche di seta, per esempio, che poi io stessa profumo con le essenze più adeguate alle singole circostanze». Già, perché Chantal Michaux è anche un coach olfattivo ed è in grado di realizzare profumi personalizzati sulla base di ogni specifica esigenza. «La floriterapia», riprende Michaux «è uno strumento essenziale per il coach emozionale. Così come lo sono i colori, le cui varie tonalità caratterizzano tutte le nostre camere. Quando un ospite viene da noi, gli addetti alla reception sono abituati a osservare, ad ascoltare e a interpretare voci e comportamenti: a capire, in altre parole, le caratteristiche di chi si trovano di fronte, in modo da assegnare a ciascuno la stanza del colore più adatto alle proprie esigenze. Così, per esempio, se una persona è particolarmente stressata, meglio puntare sulle nuance di blu e verde, mentre una coppia in viaggio romantico potrebbe facilmente preferire le calde tonalità del rosso».
È chiaro, perciò, che tutto parta dall´ascolto e dalla comprensione dell´ospite: «Si può favorire il benessere psicofisico delle persone solamente parlando con loro: gli aspetti esteriori da noi contano relativamente o, per lo meno, sono solo una conseguenza della conoscenza approfondita di ciascuna individualità con cui ci confrontiamo. È per questo motivo che spesso mi risulta difficile spiegare il concept della nostra offerta benessere. Colori, profumi, suoni, e persino i principi Feng-Shui sulla cui base creiamo ambienti più armonici possibili, sono tutti strumenti di cui ci serviamo per creare il contesto emozionale più adatto alle caratteristiche specifiche dei nostri ospiti. Perché ogni elemento dell´ambiente in cui viviamo condiziona la nostra esistenza. Si tratta di principi certo diffusi nelle filosofie orientali, ma che sono presenti anche alle radici della nostra cultura occidentale. Solo che oggi sono stati un po´ dimenticati. Basti pensare ai Romani, che non costruivano le proprie case se non in punti ritenuti propizi».
Un concept di ospitalità emozionale, quello del Des Nations, che naturalmente deve fare affidamento su personale adeguato al suo stile. «Oltre alle competenze necessarie alla propria specifica professionalità», conclude Michaux, «ogni nostro collaboratore va, infatti, incontro a un percorso di formazione individuale, che curo io personalmente. Già in fase di selezione, inoltre, sto molto attenta alle caratteristiche psico-attitudinali dei candidati: in modo che al front desk si trovino solo persone dalle buone capacità relazionali, che abbiano piacere a dialogare con gli altri; e che il back office, invece, sia costituito da individualità più pignole e regolari».

Un approccio olistico alla realtà

Il counselor è un professionista esperto di salute psicofisica. A differenza dello psichiatra, tuttavia, non prescrive psicofarmaci, né, come lo psicologo, fornisce consigli. «Il suo compito», spiega Chantal Michaux, «è quello di ascoltare e di aiutare le persone, con le domande e il dialogo, a trovare autonomamente le soluzioni ai propri problemi e ai propri disagi». L´attività del counselor ha solitamente un approccio olistico al benessere e, per raggiungere i propri obiettivi, può far ricorso a varie tecniche emozionali, tra cui anche la floriterapia, l´uso dei colori e persino, in fase di analisi, la numerologia. «Già la semplice data di nascita può dire molto sulle caratteristiche di una persona», aggiunge Michaux. «I numeri, infatti, sono pregni di significati. La cifra araba che rappresenta il due, per esempio, può essere interpretata come un uomo disteso sulla terra. Ciò vuol dire che il due partecipa al contempo della natura spirituale degli esseri umani e della qualità materiale della terra: racchiude quindi in sé il principio dell´equilibrio tra gli opposti, dell´eterno dualismo tra lo yin e lo yang. Ma anche i nomi di battesimo possono essere rivelatori di molte informazioni. Tutto, insomma, può contribuire alla comprensione delle diverse personalità che di volta in volta ci si trova di fronte. Da qui poi si può tratteggiare un programma d´intervento su misura. L´importante è essere consapevoli che qualsiasi strategia può funzionare solamente con l´attiva partecipazione di chi decide di intervenire sul proprio equilibrio psicofisico. Senza volontà e coerenza, senza la giusta attitudine mentale, anche il programma meglio costruito non ha infatti alcuna speranza di funzionare».

Identikit di Chantal Michaux

Già responsabile dei laboratori di ematologia e serologia di alcuni istituti ospedalieri del Benelux, Chantal Michaux è dal 1980 direttore dell’hotel Des Nations di Riccione e, dal 1997, responsabile della sua spa. Il suo curriculum è ricco di certificazioni in varie discipline legate al benessere della persona, tra cui quelle in reflessologia plantare e facciale, nonché i diplomi di naturopatia olistica Imdom (Istituto Maitri Discipline Olistiche e Natura di Rimini) e di nutritional therapist, di flower therapist e di naturopath, del britannico College of Naturopathie & Complementary Medecine. Ma Michaux vanta, tra l’altro, anche le certificazioni di professional practictioner e professional master presso l’istituto internazionale Npl International Isi-Cnv, nonché la partecipazione a un corso di counseling olistico accreditato dalla Società Italiana Armonizzatori Familiari (Siaf).





COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori