trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Ferpi: serve una rinnovata collaborazione tra professionisti delle pr e operatori del turismo
Governare le relazioni pubbliche
Un potenziale asset di sviluppo e competitività per il comparto
di

Articolo

Dai risultati di una recente indagine Ferpi, emerge chiara la consapevolezza, da parte degli operatori turistici, della necessità di trasformare la governance delle relazioni in un concreto asset di sviluppo e competitività. Una richiesta pressante a cui i professionisti delle pr non intendono sottrarsi, come ben sottolinea questo contributo della coordinatrice del gruppo di lavoro turismo Ferpi, Francesca Albanese.

Che ruolo può avere la professione delle relazioni pubbliche nel turismo italiano? Quale apporto può fornire al settore per il suo sviluppo e per il successo delle destinazioni turistiche? Certamente notevole e, soprattutto, innovativo. Di questo è convinta la Ferpi, l’associazione che riunisce i professionisti relatori pubblici in Italia, che da un anno ha attivato un gruppo di lavoro dedicato al turismo nell’ambito di un più ampio programma internazionale di valorizzazione delle relazioni pubbliche (www.stockholmaccords.org).
Dell’importanza delle relazioni sembrano, però, essere convinti anche gli attori turistici italiani secondo i risultati di un primo sondaggio che la Ferpi ha somministrato online, nei mesi scorsi, alle varie categorie del turismo. Hanno risposto 470 operatori, pubblici e privati, con una buona varietà di tipologia e di appartenenza geografica. L’indagine non ha pretese di rigore statistico ma ha cominciato a sondare il terreno sul valore attribuito alle relazioni nel settore, sulla percezione della loro qualità attuale e sulle aspettative per il futuro.
Una vera e propria chiamata all’azione per i comunicatori relatori pubblici. Cos’altro pensare, infatti, quando si rileva che l’84,7% degli intervistati crede che la qualità delle relazioni sia molto importante per lo sviluppo del turismo e che il 74,2% reputa la professione delle relazioni pubbliche più rilevante oggi per il settore rispetto al passato? C’è da rimboccarsi le maniche però. Perché le risposte hanno evidenziato anche un’opinione scarsa, o appena sufficiente, della qualità delle relazioni turistiche oggi. A più livelli. Nei rapporti tra le istituzioni, tra gli operatori pubblici e privati, tra le singole imprese della filiera sono state evidenziate forti criticità che meriterebbero di essere ulteriormente indagate. E anche le relazioni con i turisti e con i media, più generosamente valutate dagli intervistati, sono risultate lontane dai valori di eccellenza che bisognerebbe registrare. Non che non ce lo aspettassimo. Chi opera nel settore turistico riscontra spesso certe difficoltà relazionali che creano ostacoli, frenano i progetti e rallentano il raggiungimento degli obiettivi di crescita. Non a caso la capacità di gestire le relazioni è stata valutata dal 67,8% degli intervistati come «molto importante» e dal 28,9% come «abbastanza importante» per il funzionamento e il successo dei sistemi turistici.
Ma se il turismo percepisce la rilevanza delle relazioni, perché finora non ha saputo valorizzarle? Il settore turistico, in effetti, è assai complesso. Più di altri soffre di frammentazioni politiche, legislative e di rappresentanza, vive di interconnessioni e interdipendenze tra i diversi territori e con altri settori produttivi, necessita di reti e partnership tra i vari attori, per costruire prodotti turistici che, da somma di risorse e servizi scollegati tra loro, diventino sistemi integrati di offerta, in grado di soddisfare le esigenze dei mercati e di regalare ai turisti esperienze davvero belle e memorabili. In questo contesto, e dinanzi a uno scenario sempre più competitivo, la professionalità dei comunicatori relatori pubblici può contribuire in misura considerevole alla governance dei sistemi turistici. Come? Valorizzando quella comunicazione relazionale che dovrebbe diventare competenza diffusa.
La comunicazione turistica, fino a oggi, si è preoccupata soprattutto di immagine e di promozione; le attività dei relatori pubblici si sono concentrate quasi esclusivamente sull’ufficio stampa e sull’organizzazione di eventi. Ma c’è bisogno di molto di più. Nell’indagine della Ferpi sono state rilevate diverse aspettative sulla professione dei comunicatori relatori pubblici. In una scala da uno a cinque, i compiti di «promuovere l’offerta turistica» e di «ottenere una buona visibilità sui media» hanno avuto una votazione media di 4,18, confermandosi ancora tra le maggiori aspettative di comunicazione degli operatori turistici. Ma il «migliorare la reputazione della destinazione turistica» è stato indicato mediamente come il compito delle pr più importante (voto: 4,32): opinione assai interessante dato che la buona reputazione si ottiene, oltre che con la qualità dei propri prodotti e servizi, anche grazie a una corretta relazione con i propri stakeholder e con un comportamento comunicativo positivo e coerente. Non a caso anche i compiti più squisitamente relazionali della comunicazione hanno ottenuto in media ottimi punteggi («favorire la cooperazione tra gli operatori» - voto: 4,04; «dialogare con il mercato» - voto: 3,96). E anche molte delle ulteriori richieste spontanee degli intervistati alla professione dei relatori pubblici si sono indirizzate su obiettivi che hanno a che fare con la comunicazione relazionale: «fare sistema», «costruire alleanze», «migliorare il coordinamento», «stimolare una governance più efficace», per esempio.
Gli operatori turistici chiedono dunque alle pr la capacità di trasformare la relazione in un concreto asset di sviluppo e competitività. I relatori pubblici hanno grandi opportunità nel turismo italiano. A patto, però, che sappiano ampliare le loro competenze più strategiche e le loro azioni per il governo delle relazioni con tutti gli stakeholder e per la gestione di sistemi di relazione sempre più complessi.


L’autrice

Dal 1995 professionista di comunicazione e relazioni pubbliche Francesca Albanese ha operato in diversi settori produttivi. Attualmente collabora con Starting4, un consorzio di professionisti e imprese che offrono consulenza di marketing, comunicazione e relazioni pubbliche per il turismo e i sistemi turistici territoriali. È giornalista pubblicista ed è socia professionista accreditata della Ferpi, di cui coordina il gruppo di lavoro dedicato al turismo, per la valorizzazione delle relazioni come chiave di sviluppo del settore. f.albanese@tin.it

Identikit della federazione
WWW.FERPI.IT

La Federazione relazioni pubbliche italiana (Ferpi) rappresenta da oltre 40 anni i professionisti che operano nelle relazioni pubbliche e nella comunicazione in Italia; opera per valorizzare la professione, per rappresentare i propri iscritti e per garantire nei confronti di committenti e imprese una tutela assicurata dai principi di etica e di autoregolamentazione dei comportamenti grazie ai codici adottati. Ferpi conta oggi circa mille iscritti presenti su tutto il territorio nazionale, con un’attività associativa affidata a 14 sezioni regionali e territoriali. Recentemente la Ferpi si è fissata l’obiettivo di essere più presente nel settore turistico, sensibilizzando i suoi attori sul valore delle relazioni pubbliche e offrendosi come terreno di confronto per tutti coloro che vogliono approfondirne le tematiche.


COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori