trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Trend e Bilanci - 09/09/2011

Articolo

Bene il primo semestre InterContinental

Primi sei mesi dell’anno con il segno più per Ihg, che ha visto i propri ricavi complessivi toccare quota 850 milioni di dollari, con un +8% a tassi di cambio invariati rispetto allo stesso periodo del 2010. «Nel primo semestre abbiamo registrato grandi performance in tutti i nostri mercati, sostenute sia da un incremento dei tassi di occupazione, sia da un aumento delle tariffe medie», commenta il chief executive del gruppo, Richard Solomons. «I ricavi medi per camera disponibile (revpar) sono cresciuti, in particolare, di ben il 12,7% nell’area della Grande Cina e dell’8,2% negli Stati Uniti, dove il recente rilancio del brand Holiday Inn sta generando notevoli frutti». Grandi soddisfazioni stanno dando anche le politiche di sviluppo del canale distributivo mobile, che genera oggi circa 10 milioni di dollari di ricavi al mese. «Confidiamo, peraltro, che tale cifra sia destinata a crescere ulteriormente nel tempo», riprende Solomons. «Nel primo semestre dell’anno abbiamo poi investito 70 milioni di dollari nello sviluppo dei nostri marchi. Tra le nostre nuove iniziative ricordo, in particolare, l’inaugurazione del brand Holiday Inn Express in India e il lancio del nuovo sito web dell’hotel Indigo di New York». Per quanto riguarda l’area Europa Medio Oriente Africa (Emea), infine, i primi sei mesi dell’anno hanno visto il gruppo registrare un aumento del revpar pari al 4%, nonostante le pessime performance sperimentate dalle dieci strutture egiziane della compagnia e dalle due del Bahrein, a causa dell’instabilità politica e sociale dei due paesi arabi.

Volano i ricavi Accor
Un ottimo primo semestre: è quello che ha sperimentato il gruppo Accor, che ha registrato ricavi per un totale di 2.973 milioni di euro, corrispondenti a un aumento, su base comparabile, del 5,8% rispetto allo stesso periodo del 2010. Un risultato reso possibile dalla crescita costante e sostenuta di tutti i segmenti di mercato, con un sensibile innalzamento sia dei tassi di occupazione, sia delle tariffe medie. A trainare le performance di Accor, in accelerazione ulteriore nel corso del secondo trimestre dell’anno, sono stati i principali mercati europei e dei paesi emergenti. Nel Regno Unito, in particolare, grazie soprattutto alle nozze reali e alle vacanze pasquali, i ricavi degli hotel upscale e midscale del gruppo, tra aprile e giugno, sono aumentati di un sostanzioso 12% rispetto al medesimo trimestre dell’anno scorso, sospinti da un mercato leisure londinese particolarmente dinamico. Buono anche il +7,4% registrato dallo stesso segmento in Francia, dove il ricavo medio per camera disponibile (revpar) ha fatto segnare un contemporaneo incremento del 10,6%. Nei paesi emergenti, infine, il secondo trimestre ha visto i ricavi delle strutture Accor upscale-midscale ed economy della regione Asia-Pacifico aumentare rispettivamente dell’8,1% e dell’11,7%, e quelli dei medesimi segmenti in America Latina del 12,3% e del 20,4%.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori