trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Eccellenze nascoste del beverage italiano

Articolo

Carmine Lamorte, amministratore unico della società di consulenza Cl Professional e autore di numerosi e frequenti contributi sulla nostra testata, è infatti andato a scoprire per noi alcune chicche del beverage italiano poco conosciute ma dalle grandi qualità organolettiche e di gusto: vere perle nascoste, degne, secondo Lamorte, di qualsiasi altro prodotto di nicchia internazionale che spesso i nostri barman, alla ricerca di qualcosa di distintivo, vanno a scovare oltre frontiera, trascurando però le piccole eccellenze presenti sul nostro territorio.

La Certosa di Pavia è uno dei monumenti più belli che esistano in Italia, voluto e fatto costruire da Gian Galeazzo Sforza alla fine del 1300. Ancora oggi è custodito dai monaci benedettini, i quali producono alcuni liquori, tra i quali il Gran Liquore Certosa, reperibile esclusivamente presso il monastero. Considerabile un bitter a 40 gradi, di colore marrone, è prodotto con trasferimento a freddo. Tra i suoi ingredienti emergono l’assenzio, la genziana, la menta e chissà quali altre spezie ed erbe. Ottimo sia bevuto liscio sia con ghiaccio, può diventare anche un eccezionale ingrediente per cocktail.
In Toscana, invece, e più precisamente a Fivizzano, in provincia di Massa Carrara, esiste la farmacia del dottor Clementi, il quale nel lontano 1884 iniziò a produrre un China Antico Elixir Dottor Clementi: un vero e proprio elisir che ebbe tra i suoi estimatori anche il grande Indro Montanelli, il quale se lo faceva spedire a Milano e ne scrisse persino una lettera di celebrazione sul suo Giornale. Non si tratta, peraltro, di una comune china: oltre che con la Calisaya è infatti prodotta anche con la china Succirubra, utilizzata dagli indios del Sud America. Nessun paragone è perciò possibile con altri prodotti analoghi sul mercato. La sua produzione è ancora rimasta artigianale, dopo 127 anni dalla sua nascita, ed è nelle mani dei discendenti del dottor Clementi. Oltre che essere degustabile nelle modalità classiche, è un magnifico ingrediente per cocktail.
A Martignacco, in provincia di Udine, esiste poi la distilleria Buiese, che produce un liquore amaro, il Lusor, ricavato dall’infusione della genziana e di altre erbe e spezie, con un gusto avvolgente e ottimo per cocktail d’autore. La sua composizione deriva da un’antica ricetta, ripresa e riscritta dalla stessa famiglia Buiese in collaborazione con l’università degli studi di Udine, che sfrutta le proprietà medicamentose della Genziana Lutea: una radice diffusa nelle Alpi Carniche.
A Sassuolo, infine, in provincia di Modena, dal 1860 esiste la distilleria Caselli. Oggi produce numerosi articoli, tra cui il Sassolino Extra: un liquore all’anice finissimo di discreta notorietà. Ma un altro loro prodotto, forse meno conosciuto ma di notevole qualità, è sicuramente il Nocino Oro Caselli: un liquore perfetto per cocktail unici ed esclusivi.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori