trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Dare concretezza alla parola libertà
di

Articolo

WWW.SOCIETALIBERA.ORG

Il filosofo Giovanni Reale, per la sezione cultura; l’imprenditore Franco Stefani, per l’economia; il docente di sanità pubblica dell’università di Dublino, nonché di pediatria, psichiatria e psicologia dell’università di Montreal, Richard Tremblay, per la ricerca scientifica; il giornalista tunisino Taoufik Zoghlami Ben Brik, per il giornalismo; e lo scrittore, poeta e storico vietnamita, Vo Van Ai, a cui va il premio speciale alla libertà. Sono questi i nomi dei protagonisti della nona edizione del Premio internazionale alla libertà, organizzato, come di consueto, da Società Libera, con l’alto patronato del presidente della repubblica, e in programma a Lucca il prossimo 24 giugno.
«La scelta dei premiati ha seguito la logica dell’individuazione di figure che, con il loro percorso personale di vita, hanno saputo dare significato e concretezza alla parola libertà», spiega il direttore di Società Libera, Vincenzo Olitta. «Il nostro impegno, che da anni è rivolto a esaltare la salvaguardia della libertà, intesa come diritto individuale e di autodeterminazione dei popoli, ha trovato una tragica conferma negli avvenimenti che, in questi mesi, si sono succeduti nel bacino del Mediterraneo. E non casualmente uno dei nostri premiati proviene proprio da questi territori. La criticità dei diritti umani nel mondo è in fondo la prova di quanto il filosofo Dario Antiseri ci indica da sempre e cioè che il prezzo della libertà è l’eterna vigilanza».

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori