trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Andare in Sardegna a nuoto?
di

Abbiamo postato sulla nostra pagina Facebook questo quesito: «Trivago segnala che rispetto al 2010 la crisi dei paesi del Maghreb ha comportato un crollo del turismo in quell’area (Tunisia: -75%; Egitto: -71%; Marocco: -50%). Pensate che ne trarrà vantaggio il turismo estivo italiano?»
In pochi minuti abbiamo ricevuto 13 commenti, alcuni dei quali, che qui riporto, evidenziano una attuale stortura. Afferma Alberto: «Speriamo che sia verso la Sardegna… e che i costi delle navi vengano dimezzati…»; continua Lia: «non la Sardegna... grazie ai rincari delle agenzie marittime (si riferiva probabilmente ai traghetti, ndr)»; e poi Antonella: «Purtroppo i prezzi delle strutture italiane sono poco competitivi rispetto a quelli praticati in altri paesi che si affacciano sul nostro meraviglioso mare e credo anch’io che chi ne trarrà vantaggio saranno la Spagna e la Grecia; sicuramente la Sardegna avrebbe tutte le carte in regola per emergere in questo periodo come destinazione leader dell’estate, ma i prezzi del soggiorno più traghetto sono davvero proibitivi».
Mi ricordo ancora, a Genova, al varo in pompa magna di un traghetto della Grandi Navi Veloci, quando l’armatore, con un discorso di libertà, attaccava violentemente la Tirrenia, rea, a suo dire, di non essere competitiva e di condizionare il mercato. Ora Tirrenia è agonizzante e si vedono i risultati: i prezzi dei traghetti per la Sardegna sono praticamente raddoppiati, condizionando l’economia dell’isola, tanto che la regione ha deciso di erogare, sino al 3 luglio, un contributo, denominato «Bonus sardo vacanze», ai turisti che soggiorneranno almeno tre giorni nell’isola arrivando con un traghetto.
Talvolta si vuol far passare per interesse generale quello che invece è principalmente il proprio tornaconto; a mio avviso ci sono dei servizi che richiedono un monitoraggio e dei paletti, perché la tensione verso il massimo profitto (che è comunque obiettivo lecito d’impresa, quando non è cartello) non si trasformi in danno, spesso irreversibile, per la collettività.

COMMENTI
«Nessun commento sui lavoratori stagionali in attesa di firmare un contratto continuamente posticipato causa occupazione ai minimi storici??? Vi lascio il mio sperando di non essere l\'unica (come recita il detto popolare \"mal comune, mezzo gaudio\" )
Distinti saluti
Postato da Teresa Batista , IN ATTESA DI FIRMARE UN CONTRATTO! - 11:59:53 08-06-2011

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori