trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Notizie in Pillole - 22/04/2011

Prezzi degli hotel in picchiata rispetto al 2008

Hanno superato quota 383 mila le imprese del turismo nel 2010 (13 mila in più rispetto al 2009), per un valore aggiunto complessivo di 54,4 miliardi di euro e 752 mila dipendenti, pari al 6,5% di tutti gli occupati dell’industria e dei servizi. È quanto ha recentemente evidenziato Unioncamere, che ha sottolineato come le aziende del settore abbiano mostrato, nei primi tre mesi di quest’anno, un certo dinamismo in termini occupazionali (6.600 le assunzioni programmate nel trimestre). L’offerta rimarrebbe infatti forte, pur registrando una notevole debolezza nel suo prodotto di punta, quello balneare, maggiormente legato alla domanda interna. A questa dinamica le nostre imprese ricettive avrebbero reagito abbassando del 10,3% i prezzi rispetto al 2008. Un vantaggio per gli stranieri che desiderano venire in Italia, insufficiente tuttavia a tenere in pareggio i bilanci delle imprese: cosa che ha determinato un calo del 2,1% dei risultati globali del sistema turistico nazionale.

Una conquista fortemente voluta

Dopo due ispezioni sul campo e altrettante visite dirette presso gli uffici centrali, la Società europea per i servizi e la formazione (Sesef) è ufficialmente entrata nell’Associazione italiana per la formazione manageriale (Asfor). «Due anni di lavoro intenso», si legge nel comunicato della compagnia che ne ha dato l’annuncio. «Molti avrebbero desistito, ne siamo certi, ma la nostra forza sono le nostre convinzioni: sapevamo che un posto in quell’elenco di scuole così importanti un giorno l’avremmo conquistato, e così è stato». Costituita nel 1971, la Asfor ha da sempre l’obiettivo di sviluppare la cultura di gestione in Italia e di qualificare l’offerta di formazione manageriale. Attualmente conta oltre 70 soci fra business school, corporate university e istituzioni formative.

La conciergerie va su iPad 2

Una video-chat diretta con la conciergerie tramite iPad 2. È l’ultima novità Ict recentemente lanciata dal gruppo InterContinental (Ihg), che sfrutta la tecnologia FaceTime di Apple per permettere la connessione audio-video tra i propri clienti e i concierge di alcuni alberghi della compagnia. Attivo per una decina di hotel, il servizio sarà presto disponibile anche su altri prodotti Apple come i MacBook, gli iPhone 4 e gli iPod Touch. «Siamo entusiasti di questa novità», ha dichiarato il vice president of global brand management Ihg, Simon Scoot. «Grazie a essa gli ospiti dei nostri hotel possono ora avere accesso a consigli e informazioni di prima qualità sulle destinazioni prescelte prima ancora di mettersi in viaggio».

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori