trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Assaeroporti: la nube vulcanica ha bruciato 20 milioni di euro

Articolo

Più di 9.300 voli cancellati e quasi 1,3 milioni di passeggeri in meno solo tra gli scali del nostro paese. Sono questi i numeri messi a segno, si fa per dire, dalla nuvola di cenere del vulcano islandese Eyafjallajokull. Numeri che hanno lasciato decisamente il segno: secondo una stima di Assaeroporti, in particolare, la nuvola vulcanica avrebbe bruciato circa 20 milioni di euro di fatturato per il sistema aeroportuale italiano. E i dati del traffico relativi al mese di aprile dimostrerebbero ampiamente tale tesi. La settimana di black-out dei voli, sempre secondo Assaeroporti, avrebbe fatto sì che, ad aprile, il network degli scali nazionali registrasse una flessione del 7,9% del traffico passeggeri rispetto allo stesso mese del 2009. Pesante l’impatto anche sul consuntivo del primo quadrimestre: gli aeroporti italiani, che sino a fine marzo viaggiavano sulle ali di una ripresa consistente del traffico (+9,2%), avrebbero, infatti, chiuso i primi quattro mesi dell’anno sempre in positivo, ma con un ridimensionamento a un più modesto +4% rispetto allo stesso periodo del 2009.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori