trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Notizie in Pillole - 19/09/2008

Debutta a Londra il Grosvenor House, a Jw Marriott hotel

Dopo un progetto di ristrutturazione completo durato ben 4 anni, cambia nome uno dei più prestigiosi alberghi di Londra. Ha, infatti, recentemente debuttato ufficialmente sul mercato il nuovo Grosvenor House, a Jw Marriott hotel, le cui origini risalgono in realtà al lontano 1929. Grazie ai lavori di restauro, molte caratteristiche originali del periodo sono state così recuperate. I ricchi bagni in marmo, in particolare, si richiamano apertamente a influenze Art Déco. Tutte le camere, inoltre, sono dotate di un nuovo grande letto creato appositamente per il marchio Jw Marriott, nonché di tecnologie di ultima generazione. È stata poi rilanciata l’86 Park lane: una collezione di 20 suite e “function room” completamente rinnovate con vista panoramica su Hyde park. La ristrutturazione, infine, ha riguardato anche gli spazi congressuali e per i banchetti.



Singapore airlines lancia un sistema automatizzato di controllo dei passaporti

Un servizio automatizzato che semplifichi il processo del controllo documenti passeggeri. È la risposta che dodici compagnie Star alliance cercano di dare ai crescenti problemi incontrati dai viaggiatori internazionali durante le procedure d’imbarco. È, in particolare, Singapore Airlines ad aver lanciato per prima, presso l’aeroporto di Changi, a Singapore, l’Automated document check: un sistema in grado di controllare tutti i passaporti e di esaminare l’intero itinerario del passeggero, al contempo svolgendo tutte le procedure d’immigrazione del paese in cui il viaggiatore è diretto. L’idea è quella, naturalmente, di ridurre così il tempo necessario per compiere questi controlli manualmente.


Una libreria in ogni hotel

«Come diceva lo scrittore e poeta argentino, Jorge Luis Borges, «il libro è una delle possibilità di felicità che abbiamo noi uomini». Così spiega la filosofia alla base dell’ultima novità firmata Novotel, l’amministratore delegato Accor hospitality Italia Renzo Iorio. “Un Mojito con Hemingway?”, questo il nome dell’iniziativa, mette, in particolare, a disposizione degli ospiti di tutti i Novotel della penisola titoli e autori nazionali e stranieri, in lingua italiana, francese e inglese. Ogni cliente potrà così iniziare a leggere il libro in un albergo potendolo poi restituire entro tre mesi in qualsiasi Novotel d’Italia. I titoli spaziano dalla narrativa alla saggistica, dal romanzo rosa al giallo, dai libri per bambini e ragazzi fino a una collana di contenuti sociali, per una libreria che complessivamente comprende circa 3 mila volumi.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori