trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Un diploma immediatamente spendibile sul mercato

Articolo

È in fase di conclusione il percorso di assistente di direzione di unità ricettive ideato dalla provincia autonoma di Trento all’interno del nuovo progetto di alta formazione professionale inaugurato durante l’anno 2006/07. A partire dalla fine del 2008, dunque, il primo gruppo di diplomati potrà essere operativo nel mercato e nel contempo prenderà avvio anche il nuovo percorso, sempre più attento al mondo turistico e alle sue evoluzioni.
«Il corpo docenti, in particolare», spiega il responsabile della progettazione e coordinatore del percorso, Annalena De Grandis, «è formato da esperti del settore capaci di trasmettere agli studenti sia le problematiche del quotidiano sia gli stimoli della vita lavorativa, con particolare riguardo alle tematiche del problem solving. Il progetto, frutto della concertazione con il mondo del ricettivo, è stato, infatti, studiato appositamente per garantire ai partecipanti competenze e realmente utili al loro inserimento nel mercato del lavoro».
Le lezioni in aula si sono perciò periodicamente alternate a esperienze pratiche ogni volta diverse presso gli alberghi, i residence e le strutture congressuali appartenenti al variegato circuito dei partner. Tra quest’ultimi spiccano, in particolare, i nomi di Nhhotels, di Atahotels, dell’associazione albergatori e imprese turistiche della provincia di Trento (Asat), di Sol Melià e della Trentino s.p.a., società di marketing territoriale della provincia.
«Il curriculum vitae di queste nuove figure non è perciò una pagina bianca ma un insieme di vissuti reali nutriti da una formazione operativa in varie strutture ricettive italiane e internazionali», continua De Grandis. «Il nostro è, insomma, un diploma immediatamente spendibile sul mercato del lavoro. Un obiettivo, quest’ultimo, raggiungibile solo grazie a un dibattito costante con gli stessi operatori turistici per verificare quali profili servano veramente al settore».
Le esperienze in atto stanno, inoltre, contribuendo notevolmente a fornire informazioni per migliorare ulteriormente il progetto formativo per la prossima edizione. «Rimane, infatti, sempre vigile l’attenzione del nostro staff di progettazione», conclude De Grandis. «L’unico modo per garantire sempre risorse qualificate e, soprattutto, con competenze adeguate alle più recenti evoluzioni del mercato».

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori