trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Benessere: un’offerta in evoluzione
di

Articolo

Relax, ristoro, benessere: le tre parole chiave del beauty spa health & fitness club dell’Excelsior palace hotel di Rapallo, ma anche tre delle principali motivazioni che spingono viaggiatori provenienti da ogni angolo del mondo a soggiornare nella storica struttura dell’ospitalità italiana, ora parte della Thi collection. «Il mondo del turismo sta cambiando», spiega il direttore dell’albergo, Aldo Werdin. «I clienti stanno diventando sempre più esigenti e non si accontentano più di un semplice massaggio tra un bagno di sole e l’altro, ma ricercano trattamenti specifici adatti alle proprie singole esigenze. È per questo motivo che abbiamo creato all’interno della nostra struttura un’area dedicata al benessere, al relax e ai servizi fitness».
Il caso dell’Excelsior palace può essere considerato paradigmatico di una tendenza generale, che vede la maggior parte delle strutture quattro e cinque stelle dotarsi di una spa, pur mantenendo una vocazione non prettamente wellness. «Nel nostro caso, per esempio», prosegue Werdin, «la spa incide solo per circa il 3% sul fatturato totale dell’hotel, ma tutti gli indicatori a nostra disposizione mostrano una costante tendenza alla crescita del giro d’affari della beauty farm».
A mutare, poi, non sono solo le richieste dei clienti, ma anche la stessa tipologia degli ospiti. Un’evoluzione che sta contribuendo ulteriormente ad aumentare le richieste dei servizi beauty farm: «L’attuale congiuntura economica degli Stati Uniti, unita alla continua svalutazione del dollaro, sta provocando un calo del flusso dei turisti provenienti dall’America», racconta Werdin. «Il loro posto è stato parzialmente preso da una crescente presenza di viaggiatori russi, le cui abitudini sono profondamente diverse da quelle degli ospiti Usa: i clienti della nazione euro-asiatica tendono, infatti, a vivere molto di più l’albergo rispetto ai turisti a stelle e strisce. I russi tradizionalmente mangiano quasi sempre nel ristorante interno dell’hotel, preferiscono la piscina alla spiaggia ed effettuano raramente escursioni nei dintorni. Per tutti questi motivi si servono con maggiore frequenza dei servizi dell’albergo dove soggiornano, compresi, naturalmente, quelli legati all’offerta benessere. È così che luglio e agosto, fino a poco tempo fa un periodo di scarso affollamento della spa, sono diventati due mesi in cui la domanda wellness è particolarmente elevata».
D’inverno, invece, sono soprattutto gli italiani a ricercare l’offerta benessere dell’ Excelsior palace. «La nostra relativa vicinanza alle grandi metropoli del nord», specifica Werdin, «ci consente di attirare un numero consistente di turisti milanesi e torinesi, alla ricerca di un rilassante break sulla costiera ligure. In questo caso, le modalità di fruizione dei servizi spa mutano rispetto a quanto avviene nel periodo estivo. I clienti invernali vengono da noi, infatti, avendo già studiato un programma di trattamenti specifici, mentre gli ospiti in alta stagione decidono di giorno in giorno quali attività intraprendere».
In crescita, infine, anche la domanda wellness dei business traveller. «Soprattutto in occasione dei convegni di piccole dimensioni, magari riservati ai membri del consiglio d’amministrazione di una società», conclude Werdin, «l’offerta benessere può rivelarsi un’appetibile estensione del pacchetto meeting. Così, proprio in questi giorni, stiamo lanciando una nuova proposta business che prevede anche una serie di trattamenti relax durante le pause di lavoro».
Il centro benessere dell’hotel
Aperto in ogni stagione dell’anno, il Beauty spa health & fitness club offre trattamenti soft o intensivi, programmati o à la carte. I percorsi del centro benessere, giornalieri oppure articolati in programmi dai due ai sei giorni, propongono una vasta rosa di massaggi firmati Phytomer (celebre società bretone di cosmesi talassoterapica), sedute di stone therapy, bagni di fieno, nonché trattamenti all’acido glicolico e agli acidi della frutta per un rapido ricambio cellulare. Da non dimenticare, poi, i servizi più tradizionali come i massaggi e la manicure o i più sofisticati trattamenti viso-corpo, tra cui fanghi, cataplasmi e avvolgimenti. Oltre alle cabine wellness, all’interno del centro benessere sono disponibili anche una piscina interna riscaldata, il bagno turco e la sauna.


Breve storia dell’ Excelsior palace hotel
Era l’alba del XX secolo quando, proprio il primo gennaio del 1901, in bella vista sul tratto di costa che va da Rapallo a Portofino, aprì i battenti il Kursaal Rapallo. Costruito nel punto dove nel 1865 sorgeva Villa Elisabetta, divenne subito un riferimento per il bel mondo che, da tutta Europa, si riversava sulla Riviera attratto dal clima mite e dai richiami dei tavoli verdi.
Una clientela così affezionata e numerosa per la quale si rese presto necessaria un’adeguata sistemazione. Sorse, così, nelle immediate vicinanze il New casino hotel: elegante albergo direttamente collegato alla casa da gioco.
Tuffata in un variopinto giardino e già all’epoca dotata di 140 camere, la struttura, poi denominata Excelsior palace hotel, divenne subito una delle preferite della costa: un complesso di gran lusso annesso a uno stabilimento balneare dominante il mare.
L’artista inglese Melita Rowe, assidua frequentatrice del Tigullio tra il 1897 e il 1909, fu un habitué del nuovo albergo, che immortalò nei pensieri del suo diario e nei tanti acquerelli da lei collezionati: immagini raffiguranti tratti di costa e scorci dell’hotel, che ancor oggi documentano quell’appassionata ed entusiastica mania del viaggio in Italia che, ancor prima di lei, aveva sedotto poeti e scrittori come Guy de Maupassant, George Byron e Alphonse de LaMartine. Anche il cinema, fenomeno del momento, fece parlare dell’Excelsior Palace Hotel le cronache del tempo. Sulla sua terrazza furono girate, nel 1914, alcune scene di Battesimo di nave, uno dei primi film ambientati in esterno con riprese dal vero. La struttura fu, poi, pure testimone della storia dei primi vent’anni del ‘900: nel novembre del 1917 sede del convegno interalleato di Rapallo che pose le premesse per la conclusione della prima guerra mondiale, l’Excelsior fu anche la ribalta del trattato italo-jugoslavo del ‘20 e di quello tra Russia e Germania, del ’22.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori