trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Comunicare il valore del servizio
di

Articolo

Politiche aggressive di marketing e promozione per vincere la concorrenza dei competitor, in particolare dell’offerta fly & drive. È questo il piano di Ariodante Valeri, da giugno 2007 direttore generale commerciale di Grandi navi veloci (Gnv). L’obiettivo è quello di passare dai 269,2 milioni di euro di fatturato totale dell’anno scorso a 300 milioni, aumentando il volume di passeggeri trasportati da 1 milione 200 mila a 1 milione 300 mila. «Da un po’ di tempo a questa parte, la difficoltà principale di molte imprese è quella di far percepire ai propri clienti il reale valore del servizio che stanno acquistando», spiega Valeri. «È per questo motivo che nel prossimo futuro ci concentreremo sul miglioramento delle nostre strategie di comunicazione. Cercheremo soprattutto di posizionare correttamente il brand nel nostro mercato di riferimento. In particolare, abbiamo attivato una serie di promozioni intese a far mutare la percezione media del nostro marchio, spesso associato a servizi di buona qualità, ma dal prezzo non proprio economico. Non solo: recentemente abbiamo anche cambiato le nostre politiche di pricing, per renderle al contempo più trasparenti, flessibili e competitive». La campagna, già partita per la stagione estiva, prevede una serie di tariffe scontate soprattutto per chi prenota con il dovuto anticipo. Brochure rinnovate, la prossima inaugurazione di un sito completamente ristrutturato con aree specificamente dedicate ai passeggeri, alle merci, ai venditori e alle agenzie, nonché un deciso potenziamento della forza commerciale e 3,5 milioni di euro d’investimento in pubblicità sono invece gli strumenti con cui Gnv intende portare avanti la propria nuova strategia di comunicazione e garantire trasparenza e flessibilità dei prezzi. «In un periodo in cui i consumatori sono sempre più attenti al costo dei servizi che acquistano», prosegue Valeri, «è inoltre importante essere in grado di fornire loro un prodotto di qualità ma privo di fronzoli non richiesti. In questa direzione va anche la nostra decisione di investire maggiormente nel personale a diretto contatto con i clienti: un modo per offrire servizi sempre più rapidi ed efficienti. La stessa logica presiede anche al recente accordo con Autogrill, che dopo un anno di prova sulla motonave Fantastica, si è aggiudicata la gestione della ristorazione su otto delle attuali dieci imbarcazioni della nostra flotta». Infine, un altro aspetto con cui Grandi navi veloci dovrà confrontarsi nel prossimo futuro è il costante aumento dei costi del carburante a seguito dell’apparentemente inarrestabile ascesa dei prezzi del greggio. «Sono convinto che, a differenza di quello che è avvenuto in passato, l’attuale andamento del petrolio non sia dovuto a fattori congiunturali ma a una situazione strutturale, che difficilmente potrà cambiare», conclude Valeri. «L’unico sistema per far fronte ai costi crescenti è perciò investire in tecnologie e manutenzione delle navi. Non a caso la nostra compagnia può vantare la flotta più giovane d’Europa. E, sempre a tal proposito, nel corso del 2008 entreranno in servizio due nuove navi, mentre i nostri piani per i prossimi anni prevedono la costruzione di altre imbarcazioni, sia per potenziare ulteriormente la flotta, sia per rinnovarla».Chi è il direttore generale commerciale di Gnv

Veneziano, 52 anni, Ariodante Valeri ha cominciato la sua esperienza professionale nel settore alberghiero, come direttore vendite di Hilton international dal 1988 al 1990, per poi passare in Hertz Italia, dove è arrivato a ricoprire la carica di amministratore delegato della società. Nel 2000 viene chiamato dal gruppo Fiat alla guida di Targasys, società di servizi per la mobilità e la fornitura di servizi telematici. Successivamente, ultimo impiego prima di approdare in Gnv, diventa amministratore delegato di G.Matica, società che ottiene una delle dieci concessioni per la conduzione della rete telematica nella gestione degli apparecchi da intrattenimento. In questa veste è stato anche presidente dell’Associazione concessionari apparecchi da intrattenimento, Acadi.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori