trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Un concorso flamboyant
di

Articolo

Sarà Antonio Zambrano, primo maître del Jolly hotel President del capoluogo lombardo il rappresentante della sezione Milano-Laghi di Amira alle fasi conclusive del concorso Maître dell’anno 2008. Presso l’istituto alberghiero Ballerini di Seregno (Mi) si sono, infatti, recentemente svolte le selezioni regionali della competizione organizzata dall’Associazione maître italiani ristoranti e alberghi. Alla gara di flambé hanno partecipato cinque dei più importanti professionisti locali: Giuseppe Romano, del Jolly Milano Fiori, Giovanni Grano, del Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio (So), Francesco Schiavone, del ristorante Porca vacca di Milano, Roberto Piatti, del Quanta sport village sempre di Milano e lo stesso Zambrano. La gara prevedeva la preparazione di un piatto alla lampada, lo strumento principe della sala, con il riso come ingrediente base, oltre a prodotti tipici della località di provenienza dei concorrenti e a un abbinamento di vino scelto da ciascuno di loro. Per preparare i propri piatti, i partecipanti hanno avuto a disposizione quindici minuti a partire dal momento in cui hanno appoggiato la padella sulla lampada, oltre all’assistenza di un alunno della terza di sala dell’istituto alberghiero. La sfida si è rivelata una competizione serrata, combattuta a colpi di piatti ricolmi di aromi e di gusto: da semplici composizioni di riso con salmone a vere e proprie costruzioni di torrette di riso circondate da decorazioni sfarzose e molto colorate. A vincere è stata la ricetta di Zambrano, che ha proposto un risottino mantecato con zucca gialla, morbidelle d’anitra e Bagoss, un formaggio tipico del bresciano. Il piatto, insieme alla dialettica spedita e sicura dimostrata dal primo maître del Jolly hotel President durante la presentazione, ha saputo incantare i giurati, che gli hanno attribuito il primo premio. L’abbinamento scelto per la portata è stato un Messer nero Valcalepio rosso riserva: un vino asciutto e caldo, ottimo per la selvaggina. Il successo ottenuto consente ora a Zambrano di andare contendere ai rappresentanti Amira di tutta Italia il titolo di Maître dell’anno 2008. Le fasi conclusive del concorso prevedono ora una serie di semifinali che si terrà a Pesaro il prossimo mese di maggio e la finale vera e propria a data e luogo ancora da definirsi.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori