trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




In Polonia fervono i lavori per prepararsi a Euro 2012, mentre a Milano arriva il Mandarin oriental group

Articolo

Anche capitali stranieri per ristrutturare gli aeroporti polacchi in occasione di Euro 2012
Importanti novità in Polonia in vista dei prossimi campionati europei di calcio del 2012. Sono, infatti, iniziati i lavori per mettere in grado gli aeroporti del Paese di affrontare la probabile invasione di tifosi e turisti. A rivelarlo, l’ufficio di Varsavia dell’Istituto nazionale per il commercio estero (Ice), che sottolinea anche come i manager degli scali polacchi siano tutti d'accordo nel ritenere queste operazioni solo l'inizio di un periodo di grandi cambiamenti. A favorire lo sviluppo degli aeroporti del Paese non sarebbe solo l’imminenza di Euro 2012, ma anche il costante incremento del numero di passeggeri polacchi e la possibilità di usufruire di ingenti finanziamenti da parte dell’Unione europea. Agli aeroporti, inoltre, si stanno cominciando a interessare anche i primi investitori stranieri: dal 31 agosto il 49% dell'aeroporto di Bydgoszcz-Szwederowo è nelle mani di capitali austriaci e francesi. Benché si tratti di uno degli aeroporti minori della Polonia, la vicenda è seguita molto attentamente, soprattutto dai gestori degli scali di Danzica e di Breslavia. Tra i principali progetti già in corso, c’è la costruzione del terminal 2 dell’aeroporto di Varsavia-Okecie: un’opera del valore complessivo di 180 milioni di euro, i cui lavori tuttavia non stanno attualmente rispettando la prevista tabella di marcia. Presso lo scalo di Cracovia-Balice si sta, invece, ristrutturando l’intero terminal, grazie a un investimento di 27 milioni di euro. A Katowice-Pyrzowice, infine, è in corso la costruzione di un nuovo terminal di 15 mila metri quadrati dal costo complessivo di 22 milioni di euro.

Sorgerà a Milano il primo Mandarin d’Italia
Il Mandarin oriental group sceglie Milano per sbarcare nel mercato italiano. La catena internazionale di hotel di lusso gestirà, infatti, un nuovo albergo che aprirà nel 2010, in via Monte di Pietà, nel cuore del capoluogo lombardo. Il progetto di costruzione dell’albergo è curato dal gruppo Statuto e prevede lo sviluppo di una struttura da 104 camere, di cui 34 suite, realizzate all’interno di tre edifici della Milano ottocentesca. Il centro della proprietà sarà ingentilito dalla presenza di un caratteristico ed elegante cortile interno. Non mancherà neppure la tradizionale the spa at Mandarin oriental, che intende diventare il centro benessere con l’offerta di servizi più ampia della città. La struttura, una volta ultimata, sarà dotata anche di una sala congressi da 100 posti e di altre due meeting room più piccole, nonché di una vasta scelta di ristoranti e bar. «Siamo molto contenti di portare il nostro brand in una città come Milano» ha spiegato il chief executive del gruppo, Edouard Ettedgui. «L’apertura di questo nuovo hotel s’inserisce, infatti, in una più ampia strategia di espansione europea. Un passo significativo in direzione del raggiungimento dell’ambizioso obiettivo di posizionare il nostro marchio nelle principali destinazioni leisure e business del mondo». Anche Giuseppe Statuto, il presidente dell’omonimo gruppo, si è dimostrato particolarmente soddisfatto della partnership con Mandarin: «Grazie alla collaborazione instaurata con questa importante catena internazionale, sono convinto che il nuovo albergo diventerà un punto di riferimento importante dell’hôtellerie di lusso milanese».

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori