trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Global horizons: una ricerca di Cwt travel management institute

Consolidare i propri programmi di viaggio, ossia concentrare gli acquisti su un numero ottimale di fornitori e standardizzare regole, processi e tecnologie a livello regionale o globale, conviene. Più del 90% delle aziende che hanno intrapreso un percorso di consolidamento, infatti, ha conseguito risparmi pari in media al 20% del totale delle spese di viaggio, ma che hanno superato in alcuni casi anche il 35%.
È quanto emerge dalla ricerca «Global horizons: consolidating a travel program», presentata nel corso di un forum internazionale organizzato da Carlson wagonlit travel a Milano presso l’Ac hotel. Lo studio è stato condotto da Cwt travel management institute di Parigi, attraverso l’analisi di casi aziendali e interviste, su un ampio campione di società caratterizzate da differenti dimensioni, settore merceologico e volumi di spese di viaggio, con sede centrale in Europa, Nord America e Asia.
Si tratta di un tema che, in seguito alla globalizzazione dei mercati, interessa non soltanto le multinazionali, ma anche un numero sempre più ampio di grandi aziende italiane.
«La riduzione del 20% delle spese di viaggio», ha sottolineato Christophe Renard, senior director del Cwt travel management, «deriva in larga misura (in media il 12%) dalla standardizzazione della travel policy e dei processi, mentre il 7% trae origine dal consolidamento delle strategie d’acquisto e l’1% dalle modifiche nella piattaforma di servizio e nei sistemi di prenotazione».
I vantaggi del consolidamento non sono soltanto di carattere economico. I dati dimostrano che è possibile ottenere benefici concreti e significativi anche in termini di miglioramento del livello di servizio (76% dei casi) e della sicurezza dei viaggiatori (69%).
La ricerca identifica inoltre le best practice e i fattori critici di successo. «Il consolidamento dei programmi di viaggio», ha commentato Andrea Solari, direttore commerciale e marketing di Carlson wagonlit travel in Italia, «è una delle leve chiave di cui un travel manager dispone per ottimizzare le spese della propria azienda. Ma è anche un processo complesso. Carlson wagonlit travel ha già supportato oltre 150 clienti che hanno consolidato i propri travel program a livello globale e altri 180 che lo hanno fatto in ambito europeo».

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori