trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Il mondo del travel nel XXI secolo
di

«Comprare viaggi nel XXI secolo: dallo store di viaggi al popolo di Internet»: questo il titolo della conferenza stampa nel corso della quale sono stati disegnati alcuni interessanti scenari legati al mondo del travel, con una particolare attenzione al fenomeno della distribuzione.
Parlando di nuove frontiere nella vendita dei viaggi, non è un caso che come teatro della conferenza stampa sia stata scelta White star adventure, innovativa libreria e store di viaggi aperto da White star edizioni nella centralissima piazza Meda, a due passi da uno dei più noti ristoranti di Milano e dalla casa di Alessandro Manzoni.
Marcello Bertinetti, socio fondatore di White star editions, ha descritto il concept del suo store di viaggi. Secondo Bertinetti, White star adventure non è una semplice libreria con un reparto abbigliamento e un’agenzia di viaggi, ma uno spazio dove la lettura, lo shopping, l’intrattenimento e i servizi interagiscono creando una vera e propria esperienza. La vendita dei viaggi all’interno dello store è affidata a un’agenzia di viaggi, in partnership con Kuoni Gastaldi tours.
Mara Cardellini, responsabile vendite Italia canale agenzie del tour operator, ha spiegato per quale motivo abbiano deciso di sponsorizzare l'agenzia di viaggi collocata all'interno di White star adventure. Spiega Cardellini che il target al quale si rivolgono è sicuramente medio-alto, con prodotti adeguati a viaggiatori attenti ed esigenti, molto in linea con i frequentatori del negozio. Proprio per questa ragione la Kuoni ha creduto al progetto, non escludendo inoltre la possibilità di affiancare White star adventure anche in altre location.
Ombretta Capodaglio, marketing manager di Nielsen//NetRatings, ha compiuto un excursus nel web, illustrando i siti turistici più visitati in Italia, Europa e negli Usa, ponendo in evidenza il conversion rate, ovvero il numero di navigatori che si trasformano in acquirenti sui siti di viaggi.
Ecco gli highlight più importanti del suo intervento:
- Il travel on-line in Italia continua a crescere a ritmi sostenuti: +17% nell’ultimo anno, +60% negli ultimi due anni.
- Nonostante questa forte crescita, la penetrazione del settore in Italia è ancora più bassa di quella dei primi tre paesi europei e degli Stati Uniti.
- Trainano la crescita del settore soprattutto i siti di mappe e di informazioni di viaggio, che in parte destagionalizzano il trend della categoria travel nell’ultimo periodo.
- L’Italia sembra caratterizzarsi per forte presenza di operatori multi-paese tra i principali siti di ogni sottocategoria, al contrario della Francia dove ai primi posti predominano realtà locali.
- Aumentano anche i navigatori che si trasformano in acquirenti sui siti di viaggi: nell’ultimo trimestre del 2006 sono 1,3 milioni, il 9% dei visitatori totali della categoria, al cui interno i tassi di conversione più alti si hanno per l’acquisto di biglietti aerei e ferroviari e per prenotazioni alberghiere.

Moderatore della giornata Roberto Gentile, amministratore delegato della Frigerio viaggi, che nel corso del dibattito ha presentato il suo interessante libro, Vendere viaggi in Italia - Guida ragionata ad agenzie di viaggi, network e associazioni, internet e new media (Hoepli editore, marzo 2007). Come si vendono viaggi e vacanze in Italia? Che differenza c’è tra un’agenzia di viaggi tradizionale e un network? Quanto vale l’e-commerce turistico in Italia? Quanti e quali sono i network in Italia? Aneddoti, storie di imprevisti successi e di clamorosi e altrettanto inattesi insuccessi, casi aziendali raccontati da chi li ha vissuti in prima persona arricchiscono il testo con informazioni originali e spesso mai diffuse prima in pubblico. Un’analisi attenta e corroborata da dati e tabelle aggiornatissimi, uno stile semplice e diretto, oltre a un accurato censimento, mai realizzato prima, delle reti di agenzie operative in Italia e di quelle non più presenti sul mercato, dal 1990 a oggi. Cento le prime e 33 le reti desaparecide.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori