trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Fine anno, sono già dieci anni
di

Mi viene in mente, nel ricordare che il presente giornale è l’ultimo per quest’anno prima della consueta sospensione per le vacanze natalizie, che nel 2007 saranno dieci gli anni di attività di Job in Tourism. In occasione degli anniversari si tende sempre a fare un piccolo esame di quanto è successo in precedenza e, nel caso della nostra testata, due lustri sono un periodo significativo. L’attività, iniziata quasi per gioco e, comunque, con leggerezza, è via via diventata sempre più coinvolgente, portando, tra l’altro, grandi cambiamenti a livello personale.
Dieci anni sono un periodo importante nel corso del quale il mondo ha vissuto mutamenti epocali che hanno influito sia sul turismo sia sul nostro modo di vivere; è sufficiente, a titolo di esempio, pensare all’attentato alle torri gemelle e al prorompente successo di internet.
Vi sono vari modi di svolgere un’attività; noi in questo periodo abbiamo cercato di lavorare con serietà facendo piccoli passi con continuità, tanto che ora, oltre al tradizionale lavoro del quotidiano, principalmente abbiamo un sito in cui vengono lette 2,5 milioni di pagine al mese, una newsletter con oltre 20 mila registrati, pubblichiamo libri, organizziamo convegni e seminari. Certo, c’è chi in un periodo così lungo avrebbe fatto di più e avrebbe moltiplicato le proposte di servizi. Noi abbiamo preferito concentrarci non solo nella creazione di prodotti ma, soprattutto, nell’instaurare un rapporto corretto e di fiducia con i nostri lettori e questo, ritengo, sia il vero valore della nostra iniziativa.
Siamo chiaramente grati a chi ha avuto fiducia nel nostro lavoro, dapprima in pochi (e quelli me li ricordo uno per uno) e poi in numero crescente, e ci siamo chiesti come contraccambiare la loro attenzione. Abbiamo pensato di farlo nel modo più semplice: mantenendo invariato per il 2007 il costo delle inserzioni sul giornale e realizzando un simpatico vuotatasche che verrà donato a ogni inserzionista.
Il 2006 è stato generalmente un anno positivo per il turismo (siamo riusciti anche a evitare la reintroduzione della tassa di soggiorno!) e non resta che auspicare che l’anno nuovo continui con la stessa dinamica. Una cosa è certa, in un sistema discontinuo come l’attuale, anche nel 2007 bisognerà rimboccarsi le maniche e impegnarsi a fondo. Noi ne siamo consci, confortati però dalla considerazione che dieci anni non sono passati inutilmente e che possiamo guardare al futuro con programmi di crescita.
Grazie a tutti, auguri di buone feste e di un 2007 di operosa serenità.End of year: ten years

It occurs to me, as I realise that this issue of our magazine is the last one for the year, before the usual Christmas holiday break, that in 2007 Job in Tourism will turn ten. Anniversaries are generally times for reflection on past achievements, and in the case of our publication two lustres constitute a significant period of time. An activity that started almost for fun, in a lighthearted way, has grown more and more involving along the way, and, among other things, has motivated significant changes at a personal level.
Ten years are a considerable period of time, during which the world has experienced epochal changes impacting on both tourism and our very way of living; Suffice it to think, for example, of the Twin Tower attack and the irrepressible success of the Internet.
There are many ways to conduct a business. During this period, we have tried to work hard and seriously, taking small steps on a continual basis, to the point that now, in addition to the traditional daily work for the publication, we mainly have a website where 2.5 million pages are viewed every month, a newsletter with over 20,000 registrations, we publish books, organise meetings and seminars. Surely, in such a long period of time, others would have done more; they might have multiplied their service proposals. We chose to focus not only on the creation of products, but also, and foremost, on establishing a correct trust relationship with our readers. I believe this is the true value of our initiative.
We are grateful to those who placed confidence in our work–initially few (and I remember them one by one), then more and more numerous – to whom we wish to express our thanks. We have decided to do so in the simplest of ways – by keeping the cost of the magazine advertisements unaltered in 2007, and by creating a commemorative pocket-emptier tray which will be given to every advertiser.
2006 has generally been a favourable year for tourism (we have even managed to avoid the reintroduction of the tourist tax!) and we cannot but hope that the new year will continue along the same lines. One thing is certain: in a discontinuous system such as the present one, also in 2007 we will have to roll up our sleeves and give our best. We are aware of this, but we are also comforted by the knowledge that ten years have not passed in vain, and we can look to the future and plan for growth.
Thank you all! Our best wishes for the holiday season and for serene and busy 2007.

COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori